Caro Padre Angelo,
Sono un medico e vorrei porle questa domanda riguardo ad un caso ipotetico:
Se viene una ragazza giovane che ha rapporti prematrimoniali con il proprio fidanzato e mi chiede di prescriverle la pillola anticoncezionale per motivi puramente contraccettivi, io, oltre al proporle e suggerirle la castità prematrimonale e nel caso in cui la ragazza la rifiuti questa proposta, cosa dovrei fare riguardo alla pillola: proporle i metodi naturali così da evitare almeno un peccato mortale o rifiutarmi totalmente a fare qualsiasi cosa perchè indirettamente è come se le stessi dicendo di continuare con i rapporti sessuali prematrimoniale, anche se usando il metodo naturale?
Le chiedo gentilmente di risolvermi questo dubbio morale. La ringrazio.
Tanti Saluti,
Marilda


Cara Marilda,
1. se io fossi medico saprei di dover rispondere in scienza e coscienza.
E poiché dovrei essere a conoscenza di tutti gli effetti nocivi della pillola, tanto più che non si tratta di farne uso terapeutico, non mi sentirei di dare la pillola contraccettiva proprio per un atto di carità verso la richiedente.
Avrei rimorso per aver cooperato con questa ragazza a causarle presto o tardi gli effetti vendicativi della pillola.
Mi pare che questo sia agire in scienza e coscienza.

2. Né sarei io a proporre di far uso dei metodi naturali (dei tempi infertili) prima del matrimonio sia perché non me ne avrebbe chiesto il consiglio sia perché non potrei consigliarle ciò che è male.

3. Se invece mi chiedesse che cosa può fare, allora proporrei tutti i vantaggi della castità prematrimoniale, della quale non avrebbe mai da pentirsene né sotto il profilo biologico, né sotto quello psicologico, né sotto quello spirituale e morale.

4. Capisco la situazione imbarazzante nella quale ti puoi trovare.
In quei frangenti chiedi lumi allo Spirito Santo perché ti suggerisca di uscire da quella situazione complessa indicando una via che mentre rende lode a Dio rende anche soddisfatta nel bene la richiedente.
I sacerdoti in confessionale non di rado fanno così.

Ti auguro ogni bene, ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo