Quesito

Carissimo padre Angelo,
la ringrazio per tutto.
Sfogliando un giornale cattolico ho letto del Servo di Dio Salvo d’Acquisto e leggevo come ha dato la sua vita al posto di altri, così come ha fatto anche San Massimiliano Maria Kolbe. Dare la vita per gli altri, per qualsiasi persona, è l’espressione dell’amore più grande.
Salvo d’Aquisto si è accusato di una colpa che non ha commesso per salvare la vita di 23 persone circa.
Il gesto di dare la sua vita per gli altri, mi ha commosso e colpito, mi sono sentito "spinto" all’imitazione, ma c’è anche una cosa della quale le chiedo un chiarimento: Il servo di Dio ha detto una bugia per fare del bene?
Ha detto che è stato lui a commettere un attentato, mentre non era così. C’è una contraddizione oppure questo fatto non si può considerare una bugia?
E’ una domanda difficile, ma per me potrebbe essere importante per la vita un chiarimento.
La stessa domanda può legarsi alle apparizioni di Medjugorje: potrebbe essere tutto vero oppure potrebbero essere delle bugie. In quest’ultimo caso, è possibile giustificare tutte le bugie dette per oltre 30 anni, anche se hanno prodotto molto bene a tante persone?
Oppure potrebbe trattarsi di un inganno del demonio, come è avvenuto in passato per certi mistici, ma può mai ingannare il demonio in questo modo e per tanti anni, ottenendo anche che molte anime si sono convertite?
La ricordo di cuore al Signore.
grazie
Mario F.


Risposta del sacerdote

Caro Mario,
1. Salvo D’Acquisto ha compiuto un atto molto grande di carità.
Gesù ha detto: “Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici” (Gv 15,13).

2. Rimane il problema della bugia.
Ma si tratta di vera bugia?
O piuttosto Salvo non ha fatto come Gesù Cristo che davanti al Padre per risparmiare tutti noi si è caricato delle nostre colpe?
Salvo D’Acquisto ha compiuto dunque un grande atto di carità caricandosi di una colpa non commessa da lui stesso, ma da uno della sua gente. E se ne è caricato proprio per il bene della sua gente.
Si tratta pertanto di un duplice gesto eroico di carità cristiana.

3. Mi accenni al fenomeno di Medjugorje.
Non sono in grado di anticipare il responso della commissione incaricata di esaminare il fatto.
Certo, però, sembra molto strano che il demonio si faccia sfuggire così tante conversioni per delle bugie!
Le conversioni e il rinnovamento spirituale sono un fatto inoppugnabile e c’è da ringraziare Dio.

4. Su quanto sia avvenuto e stia avvenendo nei veggenti durante le locuzioni o apparizioni, eliminata la bugia rimane da vedere se si tratta di fenomeni spiegabili con la ragione oppure no.
E di questo è incaricata l’apposita Commissione, la quale dirà una parola assolutamente certa solo nel caso in cui le approvi oppure nel caso in cui le neghi apertamente dicendo che consta che non vi è nulla di soprannaturale.
Da parte mia, al momento presente, dubito che esca con una dichiarazione simile finché le “apparizioni” non siano terminate.

Ti auguro ogni bene, ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo