Quesito

caro padre
1. vorrei un suo commento ad una rubrica sul Vaticano II.
Sono molti quelli che si lamentano sulla sua autorità, legittimità e dicono che ha fatto col suo carattere progressista più male che bene (legga l’articolo cliccando sul link…)
2. Inoltre mi chiedo chi ha deciso di permettere la comunione in mano?
Non si rischiano atti sacrilegi oppure che una particola cada per terra?
Trattiamo così il corpo del Signore? Purtroppo vedo a volte che a messa il sacerdote concede l’ostia in mano senza curarsi troppo se la persona la mette in bocca oppure in tasca.
Come sempre grazie
Luca


Risposta del sacerdote

Caro Luca,

1. non ho ancora visto il sito che mi hai segnalato.
Ti posso dire però che il Concilio è stato voluto e guidato dallo Spirito Santo.
Purtroppo alcuni hanno voluto far passare come volontà del Concilio ciò che passava per l’anticamera della loro testa bizzarra.
Il Concilio è una cosa molto seria e santa.

2. La determinazione di dare la Santa Comunione in mano è stata presa dalla Conferenza episcopale italiana, la quale ha dato norme ben precise.
Sono d’accordo con te sui sacrilegi che si verificano dando la Santa Comunione in mano. Io stesso ne sono testimone oculare.
Di per sé il sacerdote dovrebbe vigilare che il fedele metta subito in bocca la particola consacrata.
A volte però alcuni preti lasciano molto a desiderare.
Questo però non dipende dalle norme, ma dalla personale negligenza di alcuni.

Ti saluto e ti benedico.
Padre Angelo