Quesito

ed ancora dall’Apocalisse apprendiamo che, prima della vittoria finale del bene, esso maligno sarà in grado di arrecare gravissime ferite alla creazione stessa.
Ora, poiché è da escludersi che il potere del demonio sia di natura originaria, dato che è escluso il carattere divino del principio del male contrapposto a quello del bene, come pensavano i Manichei, è giocoforza ritenere che tale potere gli sia stato dato da Dio; e ciò crea una certa perplessità.
Mi domando: è lecito ritenere che il principato sul mondo sia stato conferito a Satana anteriormente alla sua perversione e sia stato mantenuto da Dio perchè Egli mai ritira i suoi doni? Mi rendo conto però che questi sono forse solamente degli sterili balbettii e che in fondo l’atteggiamento più ragionevole sia quello di chinarsi adorando dinnanzi al mistero.
Mi raccomando alla sua preghiera e la saluto rispettosamente.
Vito


Risposta del sacerdote

Caro Vito,
1. Dio non ha conferito alcun potere al demonio in quanto tale.
Il potere che i demoni hanno è il potere che Dio ha dato agli Angeli.
Ma questi angeli decaduti pervertono il loro potere, nel medesimo modo in cui anche gli uomini pervertono il potere concesso da Dio.

2. Il demonio è stato definito da Gesù come principe di questo mondo (Gv 12,31, 14,30).
Ecco come San Tommaso spiega questo appellativo:
“Il demonio è detto principe di questo mondo non per un dominio suo naturale, ma per una usurpazione; in quanto gli uomini mondani, disprezzando il vero Signore, si sottomettono a lui.
Anche le parole di San Paolo: ‘‘Il dio di questo mondo ha accecato le menti degli infedeli…’ (2 Cor 4,4) vanno intese così: egli è principe di questo mondo in quanto domina sugli uomini mondani, i quali, come dice S. Agostino, sono sparsi su tutta la terra”.

3. L’interpretazione di San Tommaso è bella e ci fa capire, per converso, quanto potere abbiano gli angeli su di noi se ci apriamo al loro aiuto.
Molto di più è grande il potere di Maria. Per questo conviene affidarsi a Lei totalmente. Il potere dei demoni che cos’è di fronte a quello di Maria?
E ancora: possiamo comprendere che cosa possa fare Dio in favore dei suoi figli: “tutto è possibile per chi crede” (Mc 9,23), “nulla è impossibile a Dio” (Lc 1,37).

Stai certo della mia preghiera. Ti ringrazio, ti saluto e ti benedico.
Padre Angelo