Salve P. Angelo,
mi sono recentemente interessato alla lettura della Bibbia e ultimamente mi sono sorti diversi dubbi che volevo condividere.
(…).
Secondo la Chiesa Cattolica, noi riceviamo lo Spirito Santo con il sacramento della Confermazione, giusto? Quindi non lo riceviamo quando rinasciamo dallo Spirito, ovvero quando crediamo in Gesù (veda sopra)? Comunque sia, in un modo o nell’altro noi tutti riceviamo lo Spirito. Quindi riceviamo anche i doni che lo Spirito porta, come spiegato nel Vangelo.
Giovanni 20,22-23 dice: “Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».”
La Chiesa Cattolica interpreta questi versetti come l’istituzione della Confessione.
Dopo questa lunga premessa la mia domanda è la seguente: perché se tutti noi riceviamo lo Spirito Santo, l’autorità (data dallo Spirito) di perdonare i peccati è data solo ai sacerdoti e non a tutti i credenti? Esistono uno Spirito Santo di serie A per i sacerdoti e uno Spirito Santo di serie B per il resto dei fedeli? Mi dispiace per la inadeguata metafora ma non mi spiego altrimenti.
Attendo la sua risposta con Fede,
Grazie per l’attenzione


Carissimo,
1. è per volontà di Cristo e non della Chiesa Cattolica che solo ad alcuni sia trasmesso il potere di rimettere i peccati.
Ci possiamo domandare perché il Signore abbia voluto fare così e perché questo potere non l’abbia dato a tutti.

2. Dalla Sacra Scrittura emerge chiaramente che i peccati possono essere perdonati solo da Dio.
Lo apprendiamo in particolare da quanto riferisce San Luca: “Vedendo la loro fede, disse: «Uomo, ti sono perdonati i tuoi peccati».
Gli scribi e i farisei cominciarono a discutere, dicendo: «Chi è costui che dice bestemmie? Chi può perdonare i peccati, se non Dio soltanto?»” (Lc 5,20-21).
D’altra parte se i peccati sono un’offesa fatta a Dio, solo Dio li può perdonare.

3. Ma Gesù con una particolare effusione dello Spirito Santo ha trasmesso agli apostoli e solo agli apostoli questo potere divino di rimettere i peccati.
L’ha fatto la sera del giorno della sua risurrezione: “La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!».
Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore.
Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi».
Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo.
A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati»” (Gv 20,19-23).
San Giovanni Crisostomo osserva che qui “lo Spirito Santo fu allora dato ai discepoli, ma non universalmente per tutti i compiti, bensì per un determinato effetto, quello di rimettere i peccati” (In Joannem, Hom. 87,3.28).
Sant’Ambrogio commenta: “Questo diritto di legare e di sciogliere è concesso solo ai sacerdoti” (De poenit. 1,2).
Quest’effusione dello Spirito Santo è pertanto diversa da quella donata a tutta la Chiesa nel giorno di Pentecoste.

4. Ci possiamo chiedere perché il Signore l’abbia dato ai sacerdoti e non a tutti.
Ecco il pensiero di San Tommaso: “Col potere delle chiavi uno è posto come intermediario tra il popolo e Dio.
Ma questo compete solo ai sacerdoti, i quali, come si legge nella Scrittura, “sono costituiti per il culto di Dio, allo scopo di offrire oblazioni e sacrifici per i peccati” (Eb 5,1).
Perciò soltanto i sacerdoti hanno il potere delle chiavi” (Supplemento alla Somma Teologica, 19, 3, sed contra 2).
Il potere delle chiavi è il potere di legare e di sciogliere, di rimettere o di non rimettere i peccati.

5. Ciò non toglie che alcuni fedeli possano avere una maggiore effusione di Spirito Santo che nei sacerdoti.
Quanti Santi in passato sono più santi dei comuni sacerdoti che li confessavano.
E quanti lo sono anche oggi!
Questi Santi hanno avuto maggiore pienezza di Spirito Santo, ma non il potere di rimettere i peccati.
La Madonna stessa ha avuto la più grande pienezza di Spirito Santo che possa essere accordata ad una persona umana, ma non ha ricevuto da Cristo il potere di rimettere i peccati.

6. Avere questo potere (che è poi un servizio) non rende cristiani di serie A.
Tanto più che anche i sacerdoti si confessano.
E in genere si confessano più spesso di molti laici, perché la Chiesa chiede loro la confessione frequente (cf. Concilio Concilio Vaticano II, Presbyterorum ordinis 18) che è quella che viene fatta almeno due volte al mese.
In quel momento non diventano cristiani di serie B.

Ti ringrazio per il quesito, ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo