Quesito

Caro Padre Angelo
oggi ho scoperto il vostro sito che ho evidenziato subito nei miei preferiti e ne approfitto subito porle una domanda cui ho difficoltà a rispondere.
Il mio nome è Pietro.
Ho letto con piacere la lunga risposta data a molti interrogativi di un mio giovane omonimo sulla Genesi. Dio ha creato i progenitori maschio e femmina e per sottolineare il fatto ripete la sacra scrittura “maschio e femmina li creò”… e gli omossessuali?
Indubbio che esistono e parte della Chiesa li mette da parte, fratelli e sorelle di serie D. Una infinità di persone che nascono con diverse tendenze e penso non per loro colpa che io sino a qualche decennio fa ridicolizzavo e scartavo da… vero cristiano (povero me); persone che si riscontrano in tutte le fasce dell’umanità. Sono fermamente convinto che al Signore costoro siano cari quanto tutti gli esseri umani. La Bibbia ne parla? Se ne parla, a me è sfuggito
Cordialità
Pietro


Risposta del sacerdote

Caro Pietro,
1. La sessualità a livello biologico è solo di due specie: maschile e femminile.
L’identità sessuale è sigillata dall’ultima coppia di cromosomi del nostro organismo: XX per le donne, XY per gli uomini.

2. Chi è omosessuale, appartiene alla specie maschile o femminile. Di qui non si scappa.

3. La tendenza ad amare persone dello stesso sesso non è scritta nel Dna di una persona (anche se vi possono essere delle inclinazioni) ma è dovuta ad altri fattori, che generalmente vengono ricondotti alla sfera psicologica.

4. Disprezzare la persona omosessuale è sempre sbagliato.
Che siano care a Dio, come tu stesso affermi, è verissimo.
Ma il rispetto delle persone non porta a concludere che qualsiasi comportamento sia secondo la dignità della persona umana e secondo Dio.

5. Inoltre la Chiesa a proposito dell’omosessualità fa un’importante distinzione: è peccato (cioè offensivo di Dio e delle persone che lo compiono) la pratica omosessuale, ma non l’inclinazione, circa la quale i singoli potrebbero non avere alcuna responsabilità.

Ti saluto cordialmente, ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo