Quesito

Caro Padre Angelo,
sono rimasto soddisfatto della risposta e ne approfitto per altre precisazioni. Nel sacramento del matrimonio quale è la materia? Inoltre, mi può spiegare brevemente e con alcuni esempi esistenziali i peccati contro lo Spirito Santo?
Molte Grazie fin da ora.


Risposta del sacerdote

Carissimo,
1. la materia del sacramento del matrimonio è costituita dalle persone che contraggono il matrimonio, anzi dal diritto sul corpo dell’altro coniuge che esse contraggono vicendevolmente.
Questo diritto in teologia viene chiamato: ius in corpus in ordine alla generazione.

2. I peccati contro lo Spirito Santo manifestano la sistematica opposizione a qualunque influsso della grazia e questo comporta disprezzo e rifiuto di tutti gli aiuti offerti da Dio al fine di condurre una persona a salvezza.
Questi peccati vengono detti contro lo Spirito Santo perché è attribuita allo Spirito Santo l’opera della conversione e della santificazione.

3. Alcuni esempi esistenziali:
Un esempio è riferito dalla sacra Scrittura, anzi da Gesù stesso: pensare che i miracoli da lui compiuti siano stati compiuti con la forza del peggiore dei demoni. Anziché vedere all’opera il dito di Dio, vi si vede l’opera de demonio?
Un altro esempio, che verte circa il peccato dell’invidia della grazia altrui, può essere questo: corrompere la santità di una persona perché la sua santità ci fa fare brutta figura.
Circa l’impenitenza finale c’è il caso di Giuda, che è andato ad impiccarsi.

Ti ringrazio dei quesiti, ti prometto una preghiera e ti benedico.
Padre Angelo