Che cosa pensa la Chiesa circa un matrimonio in cui tra due persone c’è grande disparità di età

////Che cosa pensa la Chiesa circa un matrimonio in cui tra due persone c’è grande disparità di età

Che cosa pensa la Chiesa circa un matrimonio in cui tra due persone c’è grande disparità di età

Quesito

Caro Padre Angelo,
che cosa ne pensa la Chiesa dei matrimoni in cui marito e moglie hanno una notevole differenza d’età?
Grazie per la risposta.
Benny


Risposta del sacerdote

Caro Benny,
la Chiesa non dice nulla di specifico sulla tua domanda.
Infatti noi non è necessario un intervento del magistero per capire cose che col solo buon senso si possono capire.
Se il matrimonio, come dice San Tommaso, è la più grande amicizia, e se l’amicizia si fa tra persone che hanno tra loro una certa affinità, penso che tra le varie affinità ci sia anche quella relativa all’età.
Senza dire che il matrimonio è per sua natura ordinato alla generazione ed educazione dei figli. Ora se la donna ha 50 anni o anche più e lui ne ha venti di meno, la procreazione non è possibile.
E se lei ha venticinque o trent’anni e lui ne ha sessanta, come può quest’uomo quando avrà 75 anni, magari con l’inizio di acciacchi vari, stare dietro come si conviene ad un adolescente bisogno della guida paterna?
Tuttavia se la Chiesa pone un limite di età, prima del quale non si celebrano validamente le nozze, non pone limiti di vecchiaia né per lui né per lei, né nel rapporto fra i due.
Ti ringrazio per la domanda, ti seguo con la preghiera e ti benedico.
Padre Angelo