Quesito

Caro Padre Angelo,
altro quesito che ho da porle: che “grado” e funzione hanno i diaconi all’interno della chiesa? Sono consacrati o no? Possono amministrare l’Eucarestia?
Grazie ancora per il suo tempo.
Giorgia S.


Risposta del sacerdote

Cara Giorgia,
i diaconi, come dice la parola stesso che viene dal greco, hanno precipuamente il compito del servizio.
Ai diaconi vengono imposte le mani “non per il sacerdozio, ma per il servizio” (Concilio Vaticano II, Lumen Gentium, n. 29)
Vengono consacrati per dare al vescovo e ai presbiteri un aiuto in un triplice incarico (munus), e cioè nel ministero della parola, dell’altare e della carità.

2. Il servizio centrale del diacono è quello del ministero della carità.
È stato istituito per questo, come si evince da At 6,1-6.
È facile vedere negli altri servizi del diacono, quelli dell’eucaristia e della parola, uno stretto collegamento con il servizio della carità.

3. In forza di questo, il diacono può leggere il vangelo nella celebrazione dell’Eucaristia, fare l’omelia, distribuire la santa Comunione, amministrare il battesimo, benedire le nozze e celebrare le esequie.
Oltre a questo, che fa parte dei suoi compiti generali, gli possono essere affidati dal vescovo e dai presbiteri tante altre mansioni: organizzare la catechesi in parrocchia portare la Santa Comunione agli ammalati, celebrare liturgie della Parola e poi dare la Comunione là dove non può essere garantita la celebrazione della Messa…

4. Il diaconato è un grado dell’Ordine sacro, e viene comunicato attraverso l’infusione di un carattere proprio. Questo carattere o sigillo conforma Cristo servo. Pertanto chi lo riceve è incaricato per sua stessa natura ad essere immagine viva di Gesù servitore in mezzo al popolo cristiano.
Col suo comportamento il diacono ricorda a tutti che sono chiamati a servirsi gli uni gli altri nella carità di Cristo.
Questo carattere è indelebile e chi lo riceve, secondo San Tommaso, viene santificato.

Ti ringrazio per la domanda, ti ricordo nella preghiera, ti saluto e ti benedico.
Padre Angelo