Salve Padre buonasera…
Non voglio rubarle troppo tempo, cercherò di essere breve.
Mi e successo una cosa che ha devastato la mia vita e il mio cuore.
Sono fidanzato con una ragazza da 6 anni e tra qualche mese ci dovremmo sposare.
6 mesi fa mi ha tradito, mi ha raccontato tutto sotto la mia insistenza.
Dice non sapere perché lo ha fatto, ma io non sono soddisfatto di questa risposta…nella mia mente ce sempre e solo una domanda: perché lo ha fatto…
Ci amavamo tantissimo, ci brillavano gli occhi quando ci guardavamo, ma ora tutta questa magia sembra essere svanita, scomparsa.
Io sto cercando piano piano di perdonarla anche se ci sono giorni in cui mi sembra di crollare e di mollare tutto…
Lei non riesce a perdonarsi e di conseguenza non riesce a dare amore totale, spesso si chiude in se stessa e fatica a parlarne.
La mia più grande paura e quella di arrivare al matrimonio senza gioia piena… e questo non mi piacerebbe affatto…
Prego Gesù e la Madonna di aiutarci ad allontanare i cattivi pensieri che bloccano la nostra felicità…


Carissimo,
1. il tradimento della tua ragazza è un fatto gravissimo.
Se questo avviene prima del matrimonio, nel tempo del forte innamoramento, che cosa avverrà in seguito quando la luna di miele sarà finita?
Come puoi costruire una casa (il matrimonio) su fondamenta traballanti e che cedono (le infedeltà prematrimoniali)?

2. Quando all’interno del matrimonio un coniuge si sente tradito, si sente crollare la casa addosso. E non di rado non ha più la forza di riprendere il dialogo.
Che dire quando questo avviene prima del matrimonio quando già si sta parlando di nozze e se ne fissa la data?

3. Non so se pochi mesi saranno sufficienti a ristabilire l’accordo perfetto e a farti ritrovare la gioia di volare alle nozze.
Una cosa però deve essere chiara: che non puoi giungere al matrimonio con poca convinzione e solo per timore di vanificare quanto finora hai investito di energie psichiche, spirituali e materiali.

4. Io ti direi di riprendere con lei solo nel caso di autentica conversione.
Ma non so se questa possa maturare nell’arco di qualche mese. Potrebbe essere forse solo un fuoco di paglia.

5. Tuttavia mi sento di aggiungere altre considerazioni.
Forse la colpa non è solo della tua ragazza.
Perché quando nel fidanzamento si hanno rapporti sessuali di fatto ci si abitua vicendevolmente a consegnarsi a chi non ci appartiene.
È qui che si pongono le premesse di tante infedeltà coniugali e pre coniugali che poi fanno rovinare tutto.

6. Inoltre quei rapporti, sebbene vengano definiti di amore, in realtà non sono di autentico amore perché non ci si mette in gioco nella donazione totale e nell’immolazione vicendevole, come avviene nel matrimonio con la nascita dei figli.
Proprio perché non ci si dona totalmente, quell’atto cessa di essere di autentico amore e diventa ricerca spasmodica di soddisfazione, larvata dalla scusa che si compirebbe un atto di generosità dando soddisfazione all’altro.
In realtà si aiuta l’altro a chiudersi ancora di più nella ricerca egoistica del piacere e a fingere di donarsi.
Se con la tua fidanzata è avvenuto questo, una porzione della sua immaturità sarebbe dovuta anche a te.
In ogni caso questa non sarebbe una buona scusa per convolare alle nozze in termini abbastanza brevi.
C’è tutto da ricostruire e pochi mesi – nei quali per altro si è presi da mille pensieri per la preparazione della festa – non bastano.

7. Se invece il tradimento fosse avvenuto nonostante il vostro impegno comune e concreto di arrivare casti al matrimonio, la cosa si complicherebbe ulteriormente.
Una fidanzata deve essere contenta di arrivare vergine al matrimonio e di poter dire al suo futuro sposo: questa verginità è il segno della mia maturità. È il segno tangibile della promessa della mia fedeltà ed è il segno dell’amore grande che ho avuto per te perché il mio corpo non l’ho profanato con nessuno, l’ho tenuto in serbo e casto solo per essere tuo e per essere sigillato solo da te.

8. In questo momento cercate di riprendere la vostra vita di coppia con grande intensità spirituale accompagnata dal proposito assoluto di essere casti.
Solo la castità vi dà la lucidità di giudicare serenamente sull’autenticità e la maturazione del vostro rapporto.
Solo nella castità voi scoprite le strade per amarvi in maniera autentica e fedele per sempre.
Pregate molto, siate assidui frequentatori dei Sacramenti che sono risorse straordinarie di purificazione e di santificazione.

Ti assicuro la mia preghiera e ti benedico.
Padre Angelo