Quesito

Caro Padre Angelo,
Grazie alle sue risposte sto riuscendo a raddrizzare ciò che nella mia vita era, per mia ignoranza, sviato. Le ho gia scritto in passato ma mi ripresento brevemente, sono una ragazza sposata e ho da poco avuto una bambina meravigliosa.
Prima di conoscere i metodi naturali usavo il coito interrotto con regolarità. La gravidanza e la maternità mi spaventavano molto e volevo sempre rimandare quel momento trovando mille scuse. Alla fine, dopo averla interpellata, mi sono decisa di usare il metodo sintotermico con mio marito, ma senza troppo fissarmi se fossi rimasta incinta o meno, volevo vivere liberamente i rapporti.
Beh e’ successo nel momento razionalmente più inopportuno perché avevo un gran trasloco da fare di li a poco, ma ora che sono qui con mia figlia accanto ho la sensazione che Dio mi abbia fatto un doppio regalo: primo il dono della maternità che in fin dei conti e’ capitata nel momento migliore, secondo che tutto si sia risolto per il meglio anche se non è stato facile. Se solo mi fossi fidata prima di Dio e della sua Parola e della sua Via il mio matrimonio sarebbe stato da subito più fruttuoso, in tutti i sensi!
Ora per quel che posso nella mia piccola cerchia di conoscenze cerco di promuovere i metodi naturali perché risanano la coppia più di una seduta dallo psicologo, istruiscono al rispetto del proprio corpo e di quello del partner e aiutano la donna ad aver una maggior consapevolezza della propria natura femminile, altro che la menzogna della contraccezione!
Grazie e le chiedo, se vuole, una benedizione speciale per la mia famiglia che percorra sempre la via della santità. La ricordo nelle mie preghiere.


Risposta del sacerdote

Carissima,
1. sono contento di pubblicare la tua testimonianza per sottolineare che ad osservare la Legge di Dio c’è sempre da guadagnare in tutti i sensi.
D’altra parte come potrebbe essere diversamente?
Dio ci ama infinitamente. Nella sua legge è racchiusa la via del suo amore infinito perché non ci facciamo del male.

2. San Tommaso d’Aquino dice che il peccato “invecchia”.
Non invecchia fisicamente. Non è questo quello che vuole dire il grande teologico. Ma invecchia moralmente e anche psicologicamente.
In altre parole, possiamo dire che il peccato logora i rapporti umani: i rapporti degli uomini tra di loro e soprattutto i rapporti dell’uomo con Dio.

3. Quando tu dici che “i metodi naturali risanano la coppia più di una seduta dallo psicologo” dici la stessa cosa, anche perché talvolta quello che consiglia lo psicologo è proprio qualcosa che logora e invecchia.

4. Sottolineo un’espressione che hai usato: la menzogna della contraccezione.
Giovanni Paolo II diceva ben questo quando nella Familiaris consortio scriveva: “Così al linguaggio nativo che esprime la reciproca donazione totale dei coniugi, la contraccezione impone un linguaggio oggettivamente contraddittorio, quello cioè di non donarsi all’altro in totalità.
Ne deriva, non soltanto il positivo rifiuto all’apertura alla vita, ma anche una falsificazione dell’interiore verità dell’amore coniugale, chiamato a donarsi in totalità personale” (FC 32c).

5. Quante persone nel mio ministero pastorale mi dicono la stessa cosa: che c’è una sostanziale differenza tra gli atti coniugali compiuti secondo Dio e quelli compiuti mediante contraccezione.
Alcuni mi hanno detto esplicitamente che gli atti compiuti mediante contraccezione non sono atti di amore.
Per questo si sentono sporchi e vengono a confessarsi.

6. Certo chi non ha mai provato le vie di Dio non conosce questa sostanziale differenza. E forse dinanzi all’affermazione che i rapporti contraccettivi non sono atti di amore potrebbe rimanere scettico.
L’unica soluzione per costoro potrebbe essere questa: perché non provare a vivere secondo Dio?
Allora si può conoscere la differenza e capire quella che tu hai chiamato “la menzogna della contraccezione”.

7. Sono contento che ti fai promotrice dei metodi naturali.
Il Signore ti benedirà. E ti benediranno anche quelli che ti avranno ascoltato.

Ti ringrazio di questa testimonianza e anche per la preghiera che hai fatto me. Ricambio assicurandoti la mia preghiera per te e per la tua famiglia e vi benedico.
Padre Angelo