Salve padre Angelo,
ho una domanda per lei da condividere.
Le unioni matrimoniali sono scelte da Dio o dagli uomini?
Gesù fu chiaro quando disse non separi l’uomo quello che Dio unisce… quindi colui che unisce è Dio?
Dio conosce anche il nostro futuro e quindi sa se una donna che incontro sarà la mia futura moglie…
Io penso che Dio sia sovrano e quello che decide lo realizza… ma Dio si occupa davvero di ogni uomo della terra?
È una fase delicata della mia vita e mi serve un vostro consiglio, qualche parola sulle domande che le ho posto.
Grazie in anticipo, un cordiale saluto.


Carissimo,
1. per rispondere in maniera adeguata alla tua domanda è necessario distinguere tra Causa prima e cause seconde.
La Causa prima di ogni essere e di ogni azioni è Dio.
Le cause seconde sono gli uomini.

2. Certamente all’inizio dell’incontro tra i due c’è Dio, Causa prima, perché nulla sfugge al suo governo, neanche i nostri incontri.
Tuttavia Dio non pilota l’unione come se gli uomini fossero semplicemente dei burattini nelle mani del burattinaio perché lascia ai singoli, dotati di libertà e di iniziativa personale, di studiarsi vicendevolmente, di frequentarsi, di coltivare l’amicizia, di scegliersi.

3. Probabilmente il Signore offre alle persone più di una possibilità per imbastire il proprio matrimonio.
Lascia che siano i singoli a determinare le loro scelte concrete e anche le persone.

4. Ma quando i due si determinano nel momento del consenso coniugale Dio allora interviene per sigillare la loro unione, attuando un’unione così forte delle loro anime e dei loro corpi da esseri come fusi in un nuovo essere, il noi coniugale.
In realtà ognuno dei coniugi conserva la propria identità e la propria autonomia sostanziale.
Ma dopo il consenso si è instaurata fra di loro una relazione così forte di tutto il loro essere da appartenersi l’un l’altro.

5. Si può dire certamente che il Signore sia all’origine della conoscenza e della simpatia dei due e quindi all’origine di tutte le scelte e di tutte le coppie.
Ma proprio perché offre ai singoli un ventaglio di persone con cui unirsi non è sbagliato dire che alcuni occupano il primo posto nella scelta offerta dal Signore.
E allora alcuni matrimoni risultano più corrispondenti alla volontà di Dio.

6. Certo il Signore lascia alle cause seconde anche la possibilità di sbagliare e di imbastire un matrimonio che del matrimonio ha solo la formalità, e cioè l’esteriorità, ma non la sostanza.
In questo caso Dio non sigilla nulla.
Anzi, interviene la Chiesa dicendo dopo un serio processo canonico che il matrimonio celebrato era nullo.

Ti ringrazio del quesito, ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo