Se possibile vorrei farle un’altra domanda: sto adesso leggendo il libro della Sapienza, il passo dove dice che “i figli degli adulteri non giungeranno a maturità, il seme di un’unione illegittima scomparirà ” etc etc .
Dunque, i miei genitori, pur avendo ricevuto tutti i sacramenti, non si sono sposati in Chiesa, ma in comune.
Così come loro tutto il resto della mia famiglia (zii, zie, cugine, tranne invece i nonni che si sposarono in Chiesa).
Io in effetti da anni e anni avverto come del tutto problematico il rapporto che ho con i miei genitori e con tutta la mia famiglia. (…).
Ora leggendo nel libro della Sapienza questo passo sono stata presa dalla paura: forse che provenendo da famiglia che non ha avuto una unione cristiana , io non ho speranza in partenza? (…).
Grazie infinite
Saluti


Carissima,
1. nel libro della Sapienza si legge: “I figli di adulteri non giungeranno a maturità; la discendenza di un’unione illegittima sarà sterminata” (Sap 3,16).
Secondo la legge mosaica i figli degli adulteri venivano esclusi dalla comunità israelitica fino alla decima generazione.
Si legge infatti in Dt 23,3: “Il bastardo non entrerà nella comunità del Signore; nessuno dei suoi, neppure alla decima generazione, entrerà nella comunità del Signore”.

2. La Bibbia di Gerusalemme dice che “nell’uso biblico il termine adultero è applicato a Israele e agli israeliti infedeli a Dio” (nota a Dt 23,3).
Così ad esempio in Isaia 57,3 il profeta dice contro gli idolatri: “Ora, venite qui, voi,figli della maliarda,progenie di un adultero e di una prostituta”.
Pertanto questi bastardi o figli di adulteri erano intesi come coloro che nascevano in maniera irregolare da un ebreo e da un pagano.

3. Altri basandosi sul significato incerto della parola ebraica mamzer che in  italiano è stata tradotta con bastardo o figlio di adulteri pensano che si tratti di nati da una coppia in cui un genitore era un filisteo, e cioè dei nemici acerrimi degli ebrei.
Le unioni tra un ebreo e una straniera era considerate tutte unioni illegittime.

4. “Fino alla decima generazione” sta ad indicare che sarebbero stati esclusi dalla comunità d’Israele per sempre.
Il popolo d’Israele doveva essere un popolo non contaminato.

5. Pertanto le parole della Sacra Scrittura che ti hanno turbato non vanno intese secondo il significato che noi oggi diamo alla parola figli di adulteri.
Ogni tua interpretazione va dunque rivista così che puoi guardare con serenità tutti i tuoi parenti.

Ti auguro ogni bene, ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo