Quesito

Caro Padre Angelo,
le scrivo per chiederle se due persone che si frequentano e si amano e magari si vogliono anche sposare, ecco se queste due persone peccano nel caso si baciassero in modo “completo” (colombino). C’è differenza se non sono ancora fidanzati o se lo sono? Inoltre ho letto che questo tipo di bacio non costituisce propriamente un peccato mortale ma ne è una occasione prossima e dunque andrebbe evitato. Se fosse vero, significa che baciarsi in quel modo comporta la commissione di un peccato veniale deliberato?
Invece un semplice bacio sulle labbra, magari assaporandole un po’ va ancora bene? E’ un terreno molto insidioso per chi vuole conservare una autentica purezza!
La ringrazio in anticipo per la risposta,
Carlo


Risposta del sacerdote

Caro Carlo,
1. leggo in un manuale di morale: “è evidente che il bacio ‘‘à pleines bouches’ è il bacio tipico degli sposi.
Ma il bacio discreto, ‘‘à bouches closes’, non sembra proibito, specie negli ultimi tempi del fidanzamento”.
Con questa risposta, è risolta del tutto la tua prima domanda. Questo bacio non va bene né per i fidanzati né per quelli che non lo sono ancora.

2. Come tu stesso riconosci, in quel tipo di bacio viene coinvolta la genitalità per il pericolo molto prossimo di polluzione. Ora secondo il magistero della Chiesa l’esercizio della genitalità ha vero significato solo all’interno del quadro del matrimonio, perché qui la genitalità è intimamente agganciata con l’amore e l’apertura alla vita.
Nel matrimonio la commozione venerea stimola e accompagna un atto di generosità, cosa che non avviene al di fuori di questo contesto.

3. Pertanto è vero quello che hai letto e che cioè il bacio che tu chiami completo porta in sé un’occasione prossima di peccato e va evitato.
D’altra parte non è qui che consiste l’amore tra fidanzati.
Quando questo bacio viene dato senza il pericolo prossimo di polluzione, il coinvolgimento erotico è imperfetto. Per cui il disordine morale che ne segue è veniale.

4. La risposta all’ultima domanda è già inclusa nel primo punto.

5. Mi hai fatto una domanda bene precisa, che vuole delimitare i confini tra il peccato grave e il peccato veniale. Nella vita ci si pongono anche questi interrogativi.
Io ti ho dato la riposta.
Ma mi pare doveroso aggiungere che la vita affettiva tra due fidanzati deve spingersi sempre di più verso le autentiche manifestazioni di affetto, quelle che consistono nel donarsi a vicenda le cose più belle: l’interiorità del proprio cuore e della propria fede. Quando si vive così, ci si accorge subito che questo esige il contesto di un amore puro.

Ti seguo con la preghiera e ti benedico.
Padre Angelo