Quesito

Ave Maria!
Caro padre Angelo,
sono un figlio minore rientrato alla Casa del Padre dopo anni passati tra i porci di un altro padrone, una pecorella che il Buon Pastore è venuto a salvare dai rovi, dal fango e dai crepacci in cui si era smarrita, un operaio dell’ultima ora preso a servizio al calar della sera che ancora non si capacita della bontà del Padrone; e le sottopongo una domanda che mi preme da qualche tempo e che, benché abbia formulato fino ad oggi a più di un sacerdote (ed anche ad un Vescovo): non ha ancora trovato una risposta.
Premessa:
Sappiamo, per Fede (che è confermata dalla Ragione, a sua volta illuminata dalla Fede), che Gesù è tanto perfettamente e veramente Uomo quanto perfettamente e veramente Dio.
In quanto vero Uomo, Egli ha una vera Anima Umana. Anima che è stata ipostaticamente unita alla Sua Divinità almeno dal momento del Concepimento, a Nazareth, subito dopo il "Sì" di Maria Santissima. E che non ha mai smesso di esserlo, ipostaticamente unita alla Sua Divinità: anche nelle ore durante le quali il Suo Corpo era cadavere, ed ormai esangue, nel sepolcro donato da Giuseppe d’Arimatea; mentre Egli -in Anima e Divinità ipostaticamente unite, appunto- Si recava negli inferi (sicuramente il Limbo o "seno di Abramo"; ma forse anche nel Purgatorio, i cui occupanti potrebbero aver goduto di una specialissima "indulgenza plenaria") per trarne le Anime di tutti coloro che erano morti dal momento della creazione del Primo Uomo e della Prima Donna e che, pur non dannandosi, a causa delle conseguenze del Peccato Originale non avevano potuto accedere al Paradiso, chiuso alla discendenza di Adamo, dal momento in cui a causa di "quell’Uomo" entrarono la morte e il peccato nella Creazione Visibile. E le cui porte furono riaperte dall’Uomo-Dio, Verbo fattoSi Carne, che condusse con Sé le schiere sterminate di Anime dei primi Beati.
Domanda:
La mia domanda è la seguente: "quando è stata creata/concepita/generata l’Anima Umana di Gesù?"
Possibile risposte:
A me pare che ve siano solo due:
1) nel tempo, a Nazareth, subito dopo il "fiat" di Maria Santissima e nell’attimo stesso in cui i Due Gameti (specialissimi ma Umanissimi: quello femminile e immune dal Peccato Originale donato dalla Madre e quello maschile, ed ovviamente altrettanto immune dal Peccato Originale, creato ex-nihilo -nel Ventre inviolato di Maria- per opera dello Spirito Santo: il Quale, in quanto Dio, è l’Unico che può creare ex-nihilo) si fusero a formare Gesù-Zigote: nel Quale fu infusa l’Anima Umana creata in quello stesso istante, e che nel medesimo istante si unì ipostaticamente al Verbo Generato ab aeterno
2) ab aeterno, prima quindi che fossero creati sia l’Universo Visibile che quello Invisibile
Ognuna di queste due risposte ha però una precisa conseguenza.
Inaccettabile, a mio parere, la prima.
Entusiasmante e sorprendente, a mio parere, la seconda.
Ringraziandola in anticipo per la sua risposta,
la saluto e l’abbraccio,
in Gesù Adveniente e Maria Corredentrice


Risposta del sacerdote

Carissimo,
1. la seconda è sicuramente sbagliata perché dovresti ammettere la creazione di un’anima senza il corpo. Sarebbe stata nella condizione dell’anima separata.
Dobbiamo allora ritenere che l’anima di Gesù è stata creata nel momento in cui è affiorato il suo corpo.

2. Tuttavia anche la prima risposta contiene degli errori perché il corpo di Gesù è stato formato solo dal gamete offerto dalla Madonna, fecondato miracolosamente per virtù dello Spirito Santo.
Non c’era gamete maschile in quel momento.

3. Se Gesù fosse stato concepito per opera di un gamete maschile, sarebbe solo uomo e basta.
Invece è uomo in quanto è generato dalla Madonna ed è Dio perché concepito per opera dello Spirito Santo, il quale ha fecondato senza creare un gamete maschile.
Pertanto il concepimento di Cristo è miracoloso.

4. Ecco che cosa dice San Tommaso sul fatto che Cristo non fu concepito mediante il gamete maschile: “nel concepimento di Cristo fu naturale nascere da una donna, ma fu una cosa soprannaturale nascere da una vergine. Ora, è legge naturale che nella generazione la donna somministri la materia e l’uomo ne sia invece il principio attivo, come dimostra il Filosofo. Ma la donna che concepisce dietro il concorso dell’uomo non è vergine. Perciò il carattere soprannaturale della generazione di Cristo implica che in essa il principio attivo, sia stata la virtù preternaturale di Dio; mentre il suo aspetto naturale implica che la materia con cui è stato concepito il suo corpo sia uguale alla materia che le altre donne somministrano per il concepimento della prole” (Somma teologica, III, 31, 5).

5. Ed ecco che cosa dice sul momento della creazione dell’anima di Gesù:
“Origene riteneva che tutte le anime fossero state create fin da principio e tra queste anche l’anima di Cristo. Ma ciò è inammissibile, se si sottintende che sia stata creata allora senza essere subito unita al Verbo, perché in tal caso quell’anima avrebbe dovuto avere per un certo tempo una propria sussistenza indipendentemente dal Verbo. E così, quando fu assunta dal Verbo, o non sarebbe avvenuta l’unione secondo la sussistenza, o la preesistente sussistenza dell’anima sarebbe stata soppressa.
Altrettanto impossibile è dire che quell’anima fu unita al Verbo fin da principio e poi nel seno della Vergine fu infusa nella carne. Perché, in tal caso la sua anima non sarebbe della stessa natura delle nostre, che vengono create nel medesimo istante in cui sono infuse nei corpi. In merito il Papa S. Leone dice, che "la carne (di Cristo) non era di natura diversa dalla nostra né l’anima ebbe per lui altro principio che per gli altri uomini" (Somma teologica, III, 6, 3).

Ricambio il tuo saluto, soprannaturale e molto bello.
Ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo