Questo articolo è disponibile in: Italiano

Quesito

Caro Padre ho una domanda,
come posso rafforzare la mia volontà?
a volte manco di purezza quando vedo dei video immorali su internet e mi lascio ad andare a pensieri impuri verso persone dello stesso sesso.
Sto molto male quando cado, non mi sento più degno di perdono e per punirmi, inizio a non voler andare più a messa e pregare perchè non ho mantenuto il mio rapporto puro con il Signore….vivo molto male questa situazione.
in certi momenti sono assalito da questi pensieri e non sempre riesco a cacciarli via, anche perchè a volte capita nel sonno. Nella confessione basta confessare che mi sono lasciato andare a pensieri impuri o nel caso atti impuri da solo vedendo video immorali, oppure devo dire anche che sono fantasie verso persone dello stesso sesso, anche se alla fine non ho coinvolto nessun’altra persona? come può Dio amarmi se cado in queste cose?


Risposta del sacerdote

Carissimo,
1. mi dici che quando cadi nell’impurità ti punisci col non andare più a Messa e col non pregare più.
Fai bene a punirti, ma devi punirti nel modo giusto, in modo che la punizione sia un medicinale per te.

2. Ad esempio, una buona punizione è quella di proibirti di andare su internet per una settimana. E se ci devi andare per motivi scolastici, ci andrai solo per quello, evitando assolutamente di cliccare altrove anche solo per passatempo.
Questa punizione rinforza l’animo, soprattutto se a questo impegno ascetico vi aggiungi motivi più alti come ad esempio: in riparazione dei peccati commessi, per amore del Signore, per la conversione di coloro che hanno commesso il tuo stesso genere di peccato.
Questo è un primo modo per rafforzare la tua volontà.

3. Punirti lasciando di andare a Messa e di pregare è la punizione più sbagliata che tu ti possa dare, perché ti penalizza ulteriormente.
Semmai dovresti dire, per penitenza andrò a Messa tutti i giorni per una  settimana.
Non pensi che questa determinazione possa rafforzare la tua volontà?
E credi che nostro Signore, che ti vede andare a Messa anche se non è richiesto dal precetto, non abbondi di grazia con te e non ti rinforzi?
La Parola di Dio che ascolterai e la Santa Comunione con il corpo di Cristo accenderanno nel tuo cuore altri pensieri e altri desideri. Ti sentirai liberato come d’incanto almeno per qualche tempo da certe ossessioni che sono come degli autentici assedi che attendono di travolgerti.

4. E se partecipare alla S. Messa tutti i giorni per una settimana ti fosse impossibile, perché non passare in Chiesa almeno solo per qualche istante?
Diceva don Bosco ai suoi ragazzi: “Volete che il Signore vi faccia tante grazie? Visitatelo spesso nel sacramento.
Volete che ve ne faccia poche? Visitatelo poco,
Volente che non ve ne faccia per niente? Non visitatelo affatto”.

5. Un altro metodo per rinforzare il tuo animo e liberarlo dalle tentazioni e dalle incursioni demoniache è la recita del santo Rosario. La Madonna a Fatima ha chiesto a tutti di dirlo tutti i giorni.
Non pensi che sia arrivato per te il tempo di autodeterminarti a una preghiera più prolungata e matura?
Forse dirai ancora le preghiere che ti hanno insegnato da piccolo, e questo senza dubbio è una cosa buona.
Ma ormai sei diventato più adulto. Hai bisogno di nutrimenti più solidi e prolungati. Hai bisogno di stare in preghiera, non solo di dire le preghiere.
Il Rosario ti permette finalmente di stare in preghiera.
Anche qui: vedrai che belle esperienze che farai. Maria è quella Donna che fin dall’alba della creazione Dio ci ha dato perché tra noi e l’inferno ci sia inimicizia assoluta. Ti sentirai liberato, affrancato.

6. Ti suggerisco ancora per rinforzare la tua volontà di tenere fede alla confessione regolare e frequente. Meglio se ogni settimana, indipendentemente dalle cadute.
Mi auguro che d’ora in poi non ci sia più bisogno di accusare certi tipi di peccato.
Ma se per caso ci fosse ancora la confessione da fare, puoi dire: pur non credendo di essere omosessuale, ho voluto vedere immagini di questo tipo. E il sacerdote ti aiuterà.

7. Mi chiedi infine se il Signore ti ami anche quando sei nel peccato.
Certo non ti attiri le sue benedizioni, ma il rimorso, il desiderio di cambiare rotta sono i primi segni dell’amore del Signore per te: quando cadi, Dio non ti abbandona, ma subito ti cerca per rimetterti in piedi.

Adesso scendo per la celebrazione della Messa. Avrò un ricordo particolare per te perché il Signore ti doni forza e ti faccia tutto suo.
Ti saluto e ti benedico.
Padre Angelo

Questo articolo è disponibile in: Italiano