Quesito

Caro padre Angelo,
1) leggo da una sua risposta ad un ragazzo (pubblicata il 10.05.2007):
“… Va ricordato che i precetti morali negativi, vale a dire quelli che proibiscono una determinata azione, non conoscono eccezioni. Vanno rispettati sempre e in ogni caso. In teologia morale si dice che obbligano semper et pro semper (sempre e in ogni caso o momento).
Pertanto alla domanda: quando è lecito bestemmiare? Si deve rispondere: mai e in nessun caso”.
Ma se io mi trovassi in un campo di concentramento dove stanno per essere giustiziate 1000 persone in peccato mortale (me incluso) a cui è stata negata la confessione, capaci solo di attrizione, e l’ufficiale mi dicesse “Se bestemmi io vi lascio liberi” davvero io non devo bestemmiare? O almeno proferire bestemmia senza acconsentirvi?

2) è appropriato farmi il segno della croce quando passo davanti ad una chiesa non cattolica o ortodossa?

Le porgo un caro saluto e la ricordo nel Rosario di domani visto che avrò un po’ di tempo libero.
Un caro augurio al vs sito che ieri ha pubblicato la 1000a risposta.
A presto
Michele


Risposta del sacerdote

Caro Michele,
1. se uno preferisse la morte alla bestemmia, almeno implicitamente compirebbe un atto di carità così grande che gli verrebbe rimesso qualsiasi peccato e andrebbe dritto in paradiso.
La Chiesa si comporta così con i martiri. Anche se al momento del martirio si trovassero in peccato mortale, col martirio espiano tutto: “Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici” (Gv 15,13).

2. Non è mai lecito tradire esternamente la fede dicendo in cuor proprio: “però io non vi metto l’intenzione”. Agli orecchi degli ascoltatori la bestemmia suona come un rinnegamento della fede.

3. Non è obbligatorio fare il segno della croce passando davanti ad un luogo di culto.
Il segno della croce è una testimonianza della propria fede, soprattutto della presenza di Cristo custodito nel Tabernacolo.
Se sia appropriato fare il segno della croce passando davanti a una Chiesa non cattolica oppure ortodossa dipende in definitiva dall’intenzione che uno ci mette.

Ti ringrazio della preghiera, soprattutto del ricordo nel Santo Rosario. La contraccambio volentieri.
Ti ringrazio anche per l’attenzione al nostro sito e per la millesima risposta!
Ti saluto cordialmente e ti benedico.
Padre Angelo