Questo articolo è disponibile in: Italiano

Quesito

Rev. P. Angelo Bellon,
Ave Maria!
Sono un ragazzo di 18 anni, mi chiamo ….
A Dio piacendo a Settembre entrerò nel Postulandato dei Passionisti.
Il 13 maggio scorso mi sono consacrato totalmente e illimitatamente all’Immacolata, nella Milizia dell’Immacolata.
I miei ideali? Servire, amare, onorare Maria e Gesù in Maria nella vita religiosa e nel Sacerdozio.
Desideravo da tempo scriverle questa mail.
Ringrazio il Signore perché qualche anno fa mi ha fatto conoscere il sito degli Amici Domenicani: mi ha aiutato in tanti momenti di dubbio, e la sua testimonianza  (mi riferisco soprattutto a quell’articolo in cui espone come e quando prega) mi ha dato coraggio in alcuni momenti di debolezza.
Ringrazio il Signore soprattutto perché tramite lei mi ha fatto conoscere e capire come recitare il S. Rosario. Data la mia consacrazione, cerco di recitarlo ogni giorno (spero di fare al più presto, a mo’ di apostolato mariano della buona stampa, un pieghevole sul Rosario con le sue indicazioni).
Ora frequento il quinto anno del liceo classico.
Desidero tanto, caro padre Angelo, entrare a far parte della Milizia Angelica. Mi piacerebbe ricevere oltre al cingolo, se possibile, anche la medaglia di San Tommaso. Desidero avere la sua protezione non solo per la mia castità, ma anche per il mio futuro apostolato.
La ringrazio per la pazienza che ha avuto nel leggere la mail e le assicuro la mia preghiera nel Rosario quotidiano e la Santa Messa a cui parteciperò domani mattina (23 maggio).
Preghi per me, padre Angelo.
La Vergine Santa la benedica e la riempia di grazie, frutti e consolazioni nella sua vita spirituale di Sacerdote e consacrato.
Invoco per lei anche l’intercessione del nostro Santo Padre Paolo della Croce che a suo tempo aveva ottenuto da P. Gian Tommaso Maria Boxadors, generale dei Domenicani, una concessione per poter erigere la Confraternita del S. Rosario nel noviziato al Monte Argentario (P. Enrico Zoffoli , illustre biografo del Santo aggiunge, citando a sua volta la biografia di San Vincenzo Maria Strambi: confidò […] che intendeva porre l’Istituto  [la Congregazione Passionista] sotto la protezione dell’Ordine "tanto protetto dalla Madonna".
Ave Maria!


Risposta del sacerdote

Carissimo,
1. la tua mail mi ha procurato molta gioia dopo alcuni giorni di grandi fatiche a motivo della festa di Santa Rita, che attira nella nostra Chiesa decine di migliaia di fedeli.
Sono contento della tua consacrazione totale e senza limiti fatta alla Madonna il 13 maggio, memoria delle apparizioni a Fatima.
Il 13 ottobre 1917, nell’ultima delle apparizioni, la Madonna si è presentata come la Madonna del Rosario e ha chiesto ancora una volta a tutti di recitare il Rosario ogni giorno.

2. Il pieghevole sul Rosario e su come si recita è certamente cosa ottima e penso che potrà fare del bene a molti, soprattutto tra i giovani.
Questo servizio che vuoi rendere alla Madonna è una grande grazia.
Lo capirai sempre di più, andando avanti con gli anni: è una grazia poter servire la Madonna, proprio come recita un antico versetto mariano: “Dignare me laudare Te, Virgo Sacrata. Da mihi virtutem contra hostes tuos” (Rendimi degno di lodarti, Vergine Santa. Dammi forza contro i tuoi nemici).
È sottinteso che i nemici della Madonna sono i demoni. Tutti gli altri, anche i più acerrimi avversari di Cristo e della sua Chiesa sono persone che il Signore stesso ha affidato alla maternità di Maria.

3. Mi dici che la causa per la quale vuoi spendere la tua vita è quella di “Servire, amare, onorare Maria e Gesù in Maria nella vita religiosa e nel Sacerdozio”.
Forse qualche protestante evangelico o altro farà un sussulto di diniego nel leggere che intendi vivere per Servire, amare, onorare Maria. Ma non è stato questo il compito che il Signore dalla croce ha affidato a San Giovanni quando gli ha detto “Figlio, ecco tua madre?”.
E Servire la Madonna non è altra cosa che servire Nostro Signore, perché tutto in Lei porta al Signore?
La Madonna non ha altra volontà che quella di donarci il suo cuore per accogliere e servire il Signore.
Come ho già scritto altre volte, la Madonna è la via più breve e più santa per andare al Signore e per edificare il suo Regno.

4. Ti esorto pertanto ad affidare ogni tua azione e ogni tua causa alla Madonna nello stesso modo in cui un bambino in tutto e per tutto si affida a sua madre. Lei ti aiuterà a far tutto e a farlo nel migliore dei modi.
La Madonna ci è stata data per Madre da Nostro Signore proprio per questo.
Come sarebbe bello se i protestanti evangelici o altro potessero sperimentare la potenza che la Madonna esercita dal Cielo. Avrebbero tutto da guadagnare!

5. Ti invio molto volentieri il cingolo della Milizia Angelica di san Tommaso, sotto la cui protezione sarai più munito per superare le tentazioni e potrai meritare di essere costantemente servito dagli Angeli.

6. Sono contento di sapere che il Padre Boxadors, Maestro generale dell’Ordine domenicano, abbia concesso a San Paolo della Croce, il fondatore di Passionisti, la facoltà di erigere nel noviziato al Monte Argentario la Confraternita del SS. Rosario.

7. Ti auguro ogni bene per il tuo ingresso nel postulandato dei Padri Passionisti.
Penso in questo momento a Francesco Possenti, il futuro San Gabriele dell’Addolorata, che fu accompagnato nel noviziato dei passionisti da suo fratello, che era un domenicano, padre Luigi.
Spiritualmente ti accompagno anch’io e ne sono felice.
Ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo

Questo articolo è disponibile in: Italiano