Questo articolo è disponibile in: Italiano

Rispondo in corsivo dopo ogni domanda

Buongiorno Padre,
la ringrazio infinitamente per la sua opera nel rispondermi.
Lei sa sicuramente quanto può soffrire una persona come me impegnata a cercare la verità di Dio senza avere risposte adeguate nel mondo, quindi mi rivolgo a lei sperando nella sua generosa opera di rispondere a 5 enigmi che mi creano tanta sofferenza.
Le chiedo di rispondere a questi miei 5 enigmi sulla verita’ cristiana, aspetterò con pazienza sperando che Dio la illumini e che le sue risposte siano di aiuto ad altri che possono avere i miei stessi interrogativi.
Le chiedo scusa se le domande sono un pò lunghe, mi affido alla sua pazienza e misericordia.

1 DOMANDA
Se gli angeli sono esseri spirituali che fanno scelte eterne ed immutabili, come hanno fatto i demoni che erano buoni e ubbidienti a MUTARE diventando cattivi e disobbedienti se appunto sono immutabili? Cioè, se gli esseri spirituali sono immutabili nelle loro scelte, come hanno potuto mutare da buoni a cattivi? Se hanno potuto mutare da buoni a cattivi perchè non possono ancora mutare da cattivi a buoni?

Nello stesso istante in cui sono stati creati hanno fatto la loro scelta e in quella rimangono fissi eternamente.

2 DOMANDA
Se dobbiamo pregare per la conversione dei peccatori, ciò vuol dire che Dio ha il potere di convertirli e salvarli in risposta alle nostre preghiere.
Se quindi li può convertire e salvare e nello stesso tempo vuole che tutti gli uomini si salvino, perchè allora non converte tutti ?
Se Dio non converte tutti, allora non è vero che vuole che tutti si salvino, mentre se Dio non può convertire tutti perchè la salvezza dipende dalla libera scelta del peccatore, allora non è vero che Dio può convertire e quindi non avrebbe senso chiedere a Dio di convertire un peccatore la cui conversione dipende solo dalla sua libera volontà.

Dio vuole salvare tutti e fà il possibile perché questo avvenga. Ma Dio non si sostituisce alla nostra libertà.
In forza della solidarietà che ci lega intimamente gli uni gli altri noi suppliamo, per quanto è possibile, all’azione che i singoli devono compiere per aprirsi all’azione della grazia. La nostra preghiera non va a dare una mano all’onnipotenza divina (sarebbe un’assurdità) ma a chi deve aprirsi all’azione della grazia.

3 DOMANDA
Negli ospizi e negli ospedali ci sono tanti vecchi cristiani devoti che hanno perso la memoria e vivono come vegetali senza ricordare più nulla. Per queste persone devote e cristiane a cosa è servita tutta la loro formazione cristiana, la loro crescita spirituale, la santità acquisita se con la vecchiaia hanno perso la memoria e tutto è dimenticato? Che differenza c’è fra un uomo mai nato e questi devoti vecchi cristiani senza memoria che non ricordano più nulla della loro esperienza cristiana? Che senso ha mandare all’inferno o in paradiso un uomo che non ricorda più nulla?

Questi vecchi non ricordano più nulla a motivo di un ostacolo avvenuto nella loro parte sensoriale. Ma l’anima rimane intatta e intatti sono i meriti che si sono acquisiti davanti a Dio.
Al momento della morte, viene rimosso l’ostacolo che impediva all’anima di ricordare e viene data la retribuzione in base alle opere buone o cattive che in quel momento appariranno in tutta la loro limpidezza.

4 DOMANDA
Che ne sarà di tutti quei miliardi di persone che nella storia dell’umanità non hanno mai conosciuto Cristo ed il vangelo?
Se Cristo è l’unica via per essere salvati e, come dice la bibbia, non c’è altro nome se non quello di Cristo per poter essere salvati; allora miliardi di persone sono destinate all’inferno solo perchè sono nate in un tempo e in un luogo dove Cristo non era conosciuto? La salvezza allora dipende dal caso e dai tempi e luoghi in cui si è nati? I milioni di persone dell’antichità pagana, le persone che oggi nascono in paesi islamici, buddisti o induisti, o i selvaggi delle foreste che non hanno mai conosciuto il vangelo, che fine faranno? Si insegna spesso che Dio CHIAMA ALLA SALVEZZA, ma in che modo ha potuto chiamare alla salvezza quei miliardi di persone che non hanno mai sentito parlare di Cristo, l’unico nome per mezzo del quale noi possiamo essere salvati? (ATTI DEGLI APOSTOLI 4,12).

Il Signore ha tanti modi per condurre gli uomini alla salvezza.
Non bisogna dimenticare che San Giovanni dice che Cristo è la luce vera che illumina ogni uomo che viene in questo mondo (Gv 1,9). Li illumina attraverso i dettami della loro coscienza e della loro buona fede.
Se a questo segue la loro buona condotta e il pentimento per i peccati commessi, insieme con l’aiuto della grazia che viene donata largamente anche al di fuori dei sacramenti, certamente si salvano.
Questa è la dottrina della Chiesa di sempre.

5 DOMANDA
Gesù disse che non bisogna preoccuparsi di quel che mangeremo o berremo, di quel che vestiremo e dei nostri bisogni perchè il Padre che si preoccupa di vestire i fiori e dar da mangiare agli uccelli darà agli uomini ciò che occorre, infatti gli uomini valgono più degli uccelli e dei fiori. Ma allora quei milioni di persone che muoiono di fame continuamente in Africa perchè Dio non li nutre? La provvidenza di Dio è quindi limitata a chi vuole Lui e non è per tutti?

Dio non ci ha detto di rimanere inerti e di non fare nulla. Ci comanda di nutrirci col frutto del nostro lavoro.
Molte persone muoiono di fame perché di fatto c’è chi toglie loro il cibo di bocca depredando le loro nazioni o non aiutandole come si deve.

CARO PADRE,GRAZIE MILLE DELLA SUA PAZIENZA E GENEROSA OPERA NEL RISPONDERMI.
con affetto
Marco T.

Ti ringrazio per l’affetto, ti saluto cordialmente, ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo.

Questo articolo è disponibile in: Italiano