Caro Padre Angelo Bellon,
Spero stia molto bene, io grazie a lei che mi ha messo nella Confraternita del SS. Rosario sto molto approfondendo la mia vocazione e sto arrivando spero presto a una conclusione dopo tanti anni di discernimento.
Oggi insieme ad alcuni amici abbiamo avuto un dibattito acceso sulla figura di San Giovanni Battista.
Il Catechismo Maggiore della Chiesa cattolica ci dice che San Giovanni nacque senza peccato. Può delucidarci la differenza tra nascere senza peccato e Immacolata Concezione? Perché non ci risulta che San Giovanni Battista e la Madonna abbiano gli stessi ruoli.
Il punto in questione è il seguente
179. S. Giovanni Battista non nacque egli in peccato come gli altri uomini?
S. Giovanni Battista non nacque in peccato come gli altri uomini, perché fu santificato nel seno di sua madre santa Elisabetta, alla presenza di Gesù Cristo e della santissima Vergine.
Andrea


Caro Andrea,
1. sono contento che il tuo discernimento stia arrivando alla conclusione.
Mi auguro che sia verso la soluzione intravista da molti e anche da me.
In ogni caso sono contento dovunque ti porti la volontà del Signore.

2. Venendo adesso al tuo quesito, quanto hai trovato nel Catechismo maggiore è esattissimo.
Giovanni Battista come tutti i mortali ha ereditato il peccato originale e l’inclinazione al male.
Ma al sesto mese dal suo concepimento, in occasione della visita della Madonna alla cugina Elisabetta fu santificato nel seno di sua madre.

3. Questa santificazione è stata molto grande così che nel medesimo tempo gli venne rimosso il peccato originale e l’inclinazione al male che aveva ereditato come tutti molto probabilmente inoperante divenne e forse in seguito anche estinta.

4. In quel momento, secondo San Tommaso, Giovanni Battista venne confermato in grazia e cioè ricevette una certa impossibilità a commettere peccati, almeno i mortali.
Questa impeccabilità era dovuta al grado molto alto di grazia santificante che Gesù Cristo gli infuse e anche ad una certa protezione celeste.
Giovanni ne aveva bisogno perché doveva essere degno precursore del Signore. E lo fu in maniera eccellente perché la sua parola, pur annunciata nel deserto, attirava a sé folle da tutte le parti che si facevano battezzare confessando i propri peccati.
In tal modo ha preparato al Signore un popolo ben disposto.

5. Santificato pertanto nel grembo di sua madre, nacque già liberato dal peccato originale.
Ed è per questo che la Chiesa celebra le festa della nascita a questo mondo solo della Madonna e di san Giovanni Battista.
Per tutti gli altri Santi invece celebra la festa nel giorno della nascita al Cielo, e cioè nel giorno della loro morte.

6. Nato senza peccato originale, tuttavia la sua condizione non è identica a quella della Madonna.
La quale non solo fu liberata, ma addirittura preservata fin dal primo istante della sua esistenza.
Inoltre la Madonna ricevette un grado di grazia e cioè di santificazione così sovrabbondante per cui non solo è posta al di sopra di tutti i Santi (sicché la Chiesa le tributa il culto di iperdulia), ma fu preservata anche dall’inclinazione al male.
La Madonna dunque fu tutta pura, tutta santa, tutta immacolata fin dal primo istante della sua esistenza, fin dal suo concepimento.
Ed è per questo che la Chiesa celebra non solo il giorno della sua nascita, ma anche quello del suo concepimento, l’8 di dicembre.

7. La differenza tra la Madonna e San Giovanni dunque è evidente: questi contrasse il peccato originale da cui venne liberato al sesto mese dalla sua esistenza e tre mesi prima della sua nascita.
La Madonna invece fu esentata per particolare privilegio fin dal primo momento della sua esistenza.
Inoltre San Giovanni ereditò l’inclinazione al male (il fomite della concupiscenza) anche se possiamo credere come ho detto sopra che in lui sia stato inoperante e forse anche estinto.
Mentre la Madonna fu esentata anche da questo.

8. Per questo san Tommaso afferma che “la Beata Vergine, la quale fu scelta ad essere la madre di Dio, ebbe una grazia santificante superiore a quella di Giovanni Battista e di Geremia, che furono scelti come simboli anticipatori della santificazione operata da Cristo.
Segno di tale superiorità è che alla Beata Vergine fu concesso di non peccare mai né mortalmente né venialmente; agli altri due invece si crede che sia stato concesso soltanto di non peccare mortalmente, sotto la protezione della grazia divina” (Somma teologica, III, 27, 6, ad 1).

Augurandoti ogni bene per il tuo futuro, ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo