Quesito

Caro Padre Angelo,
Io mi chiamo A., sono un giovane vissuto lontano da Dio e questo mi ha portato a compiere numerosi peccati. Io non ho mai avuto rapporti con donne, però non per questo posso ritenermi migliore degli altri a livello di atti impuri.
Infatti fino a pochi mesi fa ho inquinato per tanti anni la mia mente, il mio corpo, la mia anima vedendo film porno, immagini di donne nude, mi vergogno a dirlo, ma purtroppo è così.
Ogni volta che li vedevo mi sentivo anche in colpa e mi promettevo che non ne avrei visto più.
Nonostante fossi quasi un agnostico mi sentivo veramente la coscienza sporca.
Nonostante ciò puntualmente ci cadevo, da adolescente già alle scuole elementari e medie ragazzi parlavano di sesso, a me faceva schifo tutto ciò, come anche guardare quei giornaletti porno. Magari mi fosse rimasto sempre questo schifo.
Purtroppo quel maledetto e diabolico materiale ha cominciato a contaminarmi, come se non bastasse l’avvento di Internet che ha fatto tutto il resto.
Poi ci sono stati alcuni avvenimenti che mi hanno portato ad avvicinarmi in maniera convinta e decisa al Cattolicesimo e fortunatamente da fine luglio di quest’anno su Internet non guardo più queste cose, quei schifosi filmati. È stato grazie alla preghiera e al Santo Rosario che non sono andato più su questi siti. A volte sono anche tentato, ma pregando desisto, il mio pensiero viene distolto.
Purtroppo nonostante non guardi più queste cose che mi hanno veramente inquinato non desisto dal commettere atti impuri da solo, anche se la frequenza su questa cosa si è ridotta. Ma è come se fosse diventato proprio come un bisogno fisiologico, non riesco a resisterne. Quando lo faccio mi sento anche liberato, come si liberassi anche da pensieri impuri.
Vi chiedo scusa, amici domenicani, se vi ho parlato di questo argomento un po’ delicato ma vorrei un vostro consiglio, è desiderio mantenermi libero da impurità. Come anche in questo pomeriggio mi sono addormentato e sognavo di voler rivedere di nuovi quei film, immagini, ma fortunatamente al risveglio ho desistito anche se ho sentito di nuovo la necessità dell’atto, anche per liberare tutti i miei pensieri impuri e sentivo anche una pesantezza al mio interno. Come ripeto diventa proprio una necessità che non mi permette di concentrarmi su altre cose, perfino di pregare.
La prego tanto Padre Angelo di pregare tanto per me, anche per trovare una ragazza che voglia astenersi da rapporti sessuali prima del matrimonio.
La prego anche di darmi una risposta, un consiglio.
Un caro saluto, A.


Risposta del sacerdote

Caro Alberto,
1. mi compiaccio con te perché il Signore non ti ha abbandonato.
Hai fatto molto cammino dalle esperienze negative precedenti che però hanno lasciato in te una memoria inquinata e che di tanto in tanto fa riaffiorare ciò che poi ti porta a commettere atti impuri.
Mi dici che dopo averli commesso ti senti come scaricato da certe pulsioni. Ed è così.
Ma insieme a questo scarico questi atti ti lasciano desolazione interiore, vuoto e disgusto.
Inoltre accrescono ulteriormente la tua debolezza, sicché quando vieni di nuovo preso da determinati stimoli, dopo alcuni combattimenti, ti trovi a cedere di nuovo. E così si innesca un circolo  vizioso da cui diventa sempre più diffide uscirne.

2. Hai già trovato, o meglio, il Signore ti ha già fatto trovare tanti rimedi nella tua vita. La preghiera e soprattutto il Santo Rosario. Tra la Santa Vergine e il demonio Dio ha stabilito perfetta inimicizia. Portare con noi la presenza di Maria è la stessa cosa che essere liberati da molti pericoli.
Lo testimonia la fede di sempre della Chiesa, che già nei primissimi secoli invocava la Madonna nei seguenti termini: “Ma liberaci sempre da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta”. Se si esprimeva così, significa il popolo cristiano ne aveva già fatto molte volte l’esperienza.
Ti esorto pertanto a continuare in questa strada, che è quella giusta e più promettente.

3. Rimane però ancora da risolvere il problema cui si accennava.
Su questo punto devo dirti che tutto parte dalla testa. Quando si comincia a lasciar passare, anzi, a correre dietro a qualche fantasia impura, si viene come calamitati e resi prigionieri. Certi pensieri e certe sensazioni diventano sempre più forti. E allora l’impulso diventa prepotente e infine si cede.
Pertanto al primo apparire di certi pensieri, sforzati di rimuoverli subito. I maestri di vita spirituale dicono che se non siamo pronti a cacciare subito il demone dell’impurità appena si affaccia con la testa, entra dentro di noi con tutto il corpo e ci domina.

4. Cerca di trovare la forza per respingere queste fantasie con motivazioni superiori quali il non contaminare il tempio dello Spirito Santo costituito dal tuo corpo.
Contaminare il tempio dello Spirito Santo e perdere la presenza personale di Dio mediante la grazia è la sciagura più grande. Si sente l’assenza di Dio come non mai e, perdendo la grazia, si perde una protezione tutta particolare del cielo.

5. Tra le altre motivazioni ricorda anche quella di san Tommaso: “così chi supera le tentazioni, merita di essere servito dagli angeli”.
Diversamente si viene serviti dai demoni. Ma questo non è servizio, è schiavitù.

Ti assicuro la mia preghiera sia per una piena vittoria in tema di purezza sia anche perché tu possa trovare una ragazza che voglia condividere con te un percorso di santificazione nel matrimonio.
Ti porgo i più sentiti auguri di un Santo Natale e di un felice anno nuovo e ti benedico.
Padre Angelo