Quesito

Caro Padre,
avere rapporti prematrimoniali forse non sempre è segno di facili costumi, perché molti, dopo un periodo di fidanzamento, vedono nell’unione uno sviluppo del proprio percorso.
In questi caso mi chiedo se val la pena essere irremovibile.
Inoltre Le assicuro che non si tratta di persone che vogliano “divertirsi” al di fuori di un serio rapporto di coppia.
Infine c’è sempre la critica frequente che comunque se c’è incompatibilità nell’intimità la coppia ne risente quindi è giusto capire anche questo prima del matrimonio…
Le dico che anch’io spesso qua vacillo e non so cosa rispondere…
Un grazie dal cuore
Simone


Risposta del sacerdote

Caro Simone,
1. il problema sta nel fatto che il gesto sessuale non è un gesto qualunque, ma ha un suo intrinseco significato.

2. E questo significato è duplice.
Innanzitutto una persona che si dona anche sessualmente manifesta la volontà di donarsi ad un’altra.
Donandosi, non si appartiene più.
Se continuasse ad appartenere a se stessa, vuol dire che non si è donata.
E prima del matrimonio evidentemente non ci si dona, perché ognuno continua ancora ad appartenere a se stesso, in piena libertà.
È solo dopo il consenso coniugale, dopo il fatidico “sì”, che uno si consegna ad un altro e gli appartiene per sempre, tanto da costituire una sola carne.

3. In secondo luogo il gesto sessuale, proprio perché ci si dona in totalità, ha un suo intrinseco significato procreativo.
Procreare al di fuori del matrimonio significa mettere al mondo una persona al di fuori di quel quadro affettivo e anche giuridico di stabilità di cui un bambino ha diritto e ha bisogno.

4. Per questo avere rapporti sessuali prima del matrimonio significa esprimere cose non vere.
E sebbene tu mi voglia assicurare che talvolta il percorso che due persone che hanno rapporti sessuali prima del matrimonio sia serio, io ti dico che non lo è perché è una bugia e anche perché si compiono atti che nonostante la contraccezione sono potenzialmente.
Consegnarsi ad una persona che non ci appartiene non è una cosa seria.
E per questo costituisce un peccato grave.

5. Mi parli di intesa sessuale, come se il rapporto sessuale fosse come una scarpa che si prova per vedere se è della giusta misura.
Questa motivazione è completamente falsa e ingannatrice per diversi motivi.
Primo perché tanti problemi anche di carattere fisiologico che possono manifestarsi all’inizio del matrimonio, passato il momento di stress, il più delle volte si risolvono da sé.
In secondo luogo perché questi problemi non si presentano nella normalità dei casi.
In terzo luogo perché prima del matrimonio sono espressi in un contesto che non è quello del matrimonio e proprio per questo possono presentare degli handicap che diversamente non avrebbero.
In quarto luogo perché non è necessario svilire il rapporto sessuale a una prova fisiologica. È una donazione, non una prova.
Pertanto dietro queste motivazioni si manifesta la propria immaturità, quella immaturità che fa bruciare le tappe prima del matrimonio, che molto spesso non porta neanche al matrimonio, o che lo brucia non di rado già nel suo inizio. E non perché non avessero provato l’intesa sessuale, ma proprio perché avevano ridotto il gesto sessuale a prova. E anziché costruire la propria casa su quei valori che sono in grado di farla resistere di fronte a qualsiasi intemperie, l’hanno costruita nella sabbia, o meglio, non l’hanno neanche costruita.

In un contesto come questo è necessario essere forti e, nel caso, anche irremovibili.
Soprattutto chi è cristiano si fida della legge di Dio e non pensa minimamente che non sia adeguata a fortificare l’amore.

Ti assicuro la mia preghiera perché tu sia testimone della maniera vera di amare e ti benedico.
Padre Angelo