Quesito

Caro Padre Angelo,
leggendo pagine di questo sito ho visto che anche qualcun altro ha questo mio problema..è importantissimo per il proseguo della mia fede..
A me capita da giorni a questa parte di avere delle bestemmie fisse nel mio pensiero..che io non vorrei assolutamente pensare.. è come se la mente fosse distaccata dal cuore.. vivere in 2 mondi separati.. di certo il mio cuore non direbbe mai queste cose perchè ho una fede solida e non mi dimentico mai di Dio..però come è possibile? Perchè succede questo? Dio mi perdonerà?
Ho anche letto che se si ama profondamente Dio non si arriva a questo..ma io lo amo e ringrazio ogni giorno per le fortune ricevute come la famiglia e quant’altro..
Vorrei tanto liberarmi da questo e vivere la mia vita da cristiano..
In attesa di una Vostra risposta vi saluto con il cuore.
Valerio


Risposta del sacerdote

Caro Valerio,
1. queste bestemmie interne, che assalgono la tua mente, sono ossessioni del maligno.
Forse possono trovare spazio in te anche a motivo di una momentanea stanchezza.
San Tommaso dice che il maligno, prima di assalirci, va ad esplorare il nostro punto debole.

2. Non meravigliarti di questo.
Anche Santa Caterina da Siena era ossessionata da molti demoni che non le davano tregua.
A lei dispiaceva parecchio questa situazione e un giorno se ne lamentò con Nostro Signore.
Ma il Signore le rispose che permetteva tali ossessioni per fortificarla e per radicarla sempre più in lui.
Così fortificata e piena della presenza del Signore avvenne che “i demoni le stavano soggetti nel nome di Gesù che in lei abitava” (Legenda maior, 268).

3. Imita Santa Caterina. Rifiuta queste bestemmie interne e radicati in Dio, nell’invocazione continua del santissimo nome di Gesù e di Maria.
L’invocazione del nome di Gesù e del nome di Mara porta la loro presenza in noi. E per questa presenza i demoni fuggono.

4. Sarei ben contento se anche tu, radicato e fortificato in Dio, per la presenza e la potenza di Cristo che abita in te, i demoni ti fossero del tutto soggetti.

5. Mi chiedi se il Signore ti perdonerà!
Ma nel sentire le bestemmie e soprattutto nel dispiacere di sentirle non c’è peccato.
Sono tentazioni e ossessioni.
Il peccato c’è solo quando si dà l’assenso, ma tu non lo vuoi dare e il Signore lo vuoi amare.
Non è perfettamente vero quello che ti è stato detto: che se ami il Signore, certe cose non ti capitano. Santa Caterina lo amava tantissimo, forse più di te. E, per un particolare disegno divino, era soggetta a queste ossessioni
Stai dunque tranquillo.

Ti assicuro per questo il mio ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo