Caro Padre Angelo,
vorrei chiederle come deve essere la nostra preghiera per il Papa e la Chiesa?
Le spiego: faccio parte di un gruppo di richieste di preghiere su WhatsApp su cui è stato postato questo video: (…).
Si è scatenato molto malumore con l’accusa di voler attaccare il Santo Padre ed alcuni hanno lasciato il gruppo.
Quando mi assale il dubbio che “di dover mettere in dubbio” gli insegnamenti e l’operato del Santo Padre, mi viene la tentazione di pregare perché “si ravveda” ma così mi rendo conto di giudicarlo; però devo riconoscere che il mio cuore è inquieto e mi diventa difficile restare su un generico “guidalo, ispiralo”.
Alle volte (raramente purtroppo!) taglio corto e recito un Rosario per il Papa e la Chiesa, ma qual è la disposizione d’animo più fruttuosa e gradita a Dio?
La ringrazio e la ricordo nelle mie preghiere


Carissima,
1. la maniera più giusta di pregare per il Papa è quella di pregare senza mettere alcuna intenzione al di fuori delle sue.
Del resto la formula più antica legata anche alle indulgenze è proprio questa: per le intenzioni del Sommo Pontefice.
E cioè perché il Signore lo indirizzi, lo guidi e lo custodisca da ogni male.
Come vedi, in queste brevissime parole c’è tutto.

2. È sempre opportuno non aggiungere altro, come ad esempio: che si converta, che si ravveda… perché facilmente, come tu stessa osservi, si scade nel giudizio e in tal modo, più che meritare, si demerita.

3. Se vuoi che ti dica come io prego per il Papa ecco: faccio proprio come talvolta fai tu e cioè taglio corto e dico il Santo Rosario perché il Signore faccia Lui.
Così faccio anche per la Chiesa per la quale però specifico volentieri le varie categorie di persone con alcune particolari intenzioni.

4. Mi piace ricordare quanto i domenicani facevano e in taluni posti fanno ancora quando elevano a Dio le loro preghiere (i suffragi) per i vivi e per i defunti.
Tra i vivi c’è sempre la menzione del Papa.
Chi guida la preghiera dice: Oremus pro Domino Papa (Preghiamo per il Papa).
E tutti rispondono: “Dominus conservet eum, et vivifcet eum e beatum faciat eum in terra, et non tradat eum in aninam inimicorum eius” (Il Signore lo conservi, gli dia vita, lo renda sereno sulla terra e non lo consegni nelle mani dei suoi nemici).
Poi chi guida prosegue così: “Omnipotens sempiterne Deus, qui facis mirabilia magna solus, praetende super famulum tuum Papam nostrum N …. et super cunctas Congregationes illi commissas spiritum gratiae salutaris: et ut in veritate tibi complaceant, perpetuum eis rorem tuae benedictionis infonde”.
(Onnipotente eterno Dio, tu che da solo fai cose mirabili e grandi, fà scendere sopra il tuo servo e nostro Papa N… e sopra tutte le istituzioni da lui dirette lo spirito salutare della grazia: e perché siano oggetto del tuo compiacimento effondi su di essi la rugiada perenne della tua benedizione).

5. Non sarebbe male postare sul vostro WhatsApp proprio questa preghiera che è molto bella e che adesso trascrivo per esteso senza interruzioni:

Preghiamo per il Papa

Il Signore lo conservi, gli dia vita, lo renda sereno sulla terra e non lo consegni nelle mani dei suoi nemici.

Onnipotente eterno Dio, tu che da solo fai cose mirabili e grandi, fà scendere sopra il tuo servo e nostro Papa N… e sopra tutte le istituzioni da lui dirette lo spirito salutare della grazia: e perché siano oggetto del tuo compiacimento effondi su di essi la rugiada perenne della tua benedizione.
Per Cristo nostro Signore. Amen.

Ti ringrazio per le preghiere e le ricambio volentieri.
Ti auguro ogni bene e ti benedico.
Padre Angelo