Quesito

Carissimo padre Angelo,
come regolarsi con i conviventi, divorziati risposati… che vengono a chiedere benedizioni per loro e per la loro casa. Come regolarsi nei seguenti casi circa la vita sacramentale (comunione confessione ecc):
vedova e divorziato non conviventi che hanno intenzione di sposarsi civilmente;
vedova e divorziato non conviventi di cui il divorziato intende aprire un caso di nullità di matrimonio.
Un confessore.


Risposta del sacerdote

Carissimo padre,
1. le benedizioni chieste per se stessi e per le proprie abitazioni sono sacramentali.
Per essere ricevute non richiedono lo stato di grazia. Sebbene la loro efficacia dipenda anche dallo stato di grazia di chi le riceve.
I sacramentali infatti conferiscono la grazia in virtù delle disposizioni dei richiedenti (ex opere operantis).

2. Se manca la giusta disposizione in coloro che ricevono la benedizione, c’è però la buona disposizione del celebrante e anche quella di tutta la Chiesa (ex opere operantis Ecclesiae).

3. Per questo quando il sacerdote va in giro per la benedizione delle famiglie, dà la benedizione anche alle abitazioni nelle quali si vive in stato irregolare.
Soprattutto la dà alle persone perché si dispongano a ricevere la benedizione e la grazia del Signore.
Dove c’è un minimo di fede fà bene a dare la benedizione.
Non la deve dare solo alle abitazioni che sono palesemente luogo di peccato.

4. Qualcuno si può domandare se la benedizione della casa per dei conviventi e comunque per delle persone che oggettivamente vivono in una situazione irregolare non sembri quasi avvallare o benedire il loro comportamento.
Ma di fatto non è così. Perché si intende benedire la persona e non il comportamento irregolare.

5. Benedicendo si coglie l’occasione per portare alle persone che vivono in una situazione irregolare la luce del Vangelo, l’incoraggiamento a pregare, a partecipare alla Messa (sebbene non ancora alla santa Comunione), a partecipare alla vita della comunità cristiana, a fare del bene, ecc…

6. Inoltre non poche persone che soffrono a motivo di disturbi vari sono persuase, a torto o a ragione, di essere oggetto di malefici e proprio per questo desiderano la benedizione.
Perché non portare loro un po’ di sollievo o addirittura la liberazione da ogni male, soprattutto se queste persone si impegnano per quanto è possibile a camminare dirittamente davanti a Dio? 

7. Per quanto concerne la Confessione e la Santa Comunione possono accedere a questi sacramenti se vivono o promettono di vivere in castità e se nell’accostarsi alla Santa Comunione escludono il pericolo di scandalo nei confronti di chi li conosce come irregolari.

8. Per la vedova e il divorziato non conviventi che hanno intenzione di sposarsi civilmente: certo per loro non è possibile un matrimonio in Chiesa poiché il divorziato davanti a Dio appartiene ad un’altra donna, alla quale ha promesso di essere suo per la buona e per la cattiva sorte.
La vedova e il divorziato, mettendosi per la strada del matrimonio civile, instaurano pubblicamente un rapporto adulterino e per questo non possono accedere ai sacramenti.
Nel frattempo bisognerebbe spingere lui a rivedere il suo matrimonio per verificarne l’eventuale nullità presso un tribunale ecclesiastico. Nel qual caso possono sposarsi sacramentalmente.

9. Finché non vanno a vivere insieme e se vivono castamente non ci sono ancora secondo me gli estremi per negare i sacramenti. Infatti per quanto l’intenzione possa essere ferma, c’è sempre da sperare fino all’ultimo che possano ripensarci.

10. Se invece il divorziato ha intenzione di verificare la nullità del matrimonio cui è legato può ricevere i sacramenti.
Ovviamente sempre secondo le comuni condizioni che legano qualsiasi fedele: che, se vi è il peccato, vi sia anche il proposito di non commetterlo.

La ringrazio per la fiducia, Le auguro un proficuo ministero e Le assicuro un ricordo nella preghiera.
Padre Angelo