Quesito

Gentile padre Angelo,
sto leggendo il libro di Augias-Cacitti (Inchiesta sul cristianesimo -come si costruisce una religione- )
Sono dell’idea che leggere anche cose “distanti” dalla versione ufficiale della Chiesa possa essere utile per stimolare in noi uno spirito di ricerca della Verità.
Ho parecchi dubbi su alcune delle frasi che ho letto.
Si legge infatti che:
Gesù non voleva fondare una nuova Chiesa
Gesù non ha mai istituito una gerarchia ecclesiastica
Gesù non ha mai dato grande valore al battesimo

Ora, a me viene da dire:
Gesù HA fondato una Chiesa, e lo ha espressamente detto (“Tu sei Pietro e su questa pietra fonderò la mia Chiesa”)
Gesù s’è fatto battezzare e nelle Scritture si parla di battesimo in Spirito santo e fuoco!
Le vorrei chiedere: è corretto il mio ragionamento?
Sul fatto della gerarchia non saprei però come argomentare…


Risposta del sacerdote

Carissimo,
1. può essere utile leggere libri distanti dalla dottrina della Chiesa solo se queste letture sono controbilanciate dalla ricerca personale e dalla lettura di ciò che dice il Magistero della Chiesa.
Diversamente sono solo ingannevoli e deleterie.
Che cosa ne diresti se uno cercasse di apprendere il pensiero di qualsiasi filosofo solo dall’interpretazione sbagliata fornita da altri? A scuola verrebbe senz’altro bocciato.
Per la Chiesa il discorso è ancora più serio, perché le verità che insegna non sono sue, ma di Cristo. Inoltre il suo insegnamento non ha solo carattere informativo, ma riguarda verità che plasmano la vita, vanno vissute e messe in pratica. Sono infatti verità salvifiche.

2. Vengo adesso alle singole affermazioni.
Le argomentazioni che tu hai portato sui primi due punti sono esatte.
A proposito del Battesimo va ricordato che Gesù ha comandato ai suoi di andare in tutto il mondo e di battezzare.

3. Circa l’istituzione della Chiesa ti riporto quanto afferma il Catechismo della Chiesa Cattolica, il quale titola i nn. 763-766: La Chiesa – istituita da Gesù Cristo.
Tra le altre cose, afferma: “Il Signore Gesù diede inizio alla sua Chiesa predicando la Buona Novella, cioè la venuta del Regno di Dio da secoli promesso nelle Scritture.
Per compiere la volontà del Padre, Cristo inaugurò il Regno dei cieli sulla terra. La Chiesa è «il Regno di Cristo già presente in mistero» (Lumen Gentium 5) (n. 763).

4. Inoltre il Catechismo della Chiesa Cattolica scrive ancora: “Il germe e l’inizio del Regno sono il «piccolo gregge» (Lc 12,32) di coloro che Gesù è venuto a convocare attorno a sé e di cui egli stesso è il pastore.
Essi costituiscono la vera famiglia di Gesù. A coloro che ha così radunati attorno a sé, ha insegnato un modo nuovo di comportarsi, ma anche una preghiera loro propria” (Mt 5-6).

5. Infine afferma: “Il Signore Gesù ha dotato la sua comunità di una struttura che rimarrà fino al pieno compimento del Regno.
Innanzitutto vi è la scelta dei Dodici con Pietro come loro capo (Mc 3,14-15).
Rappresentando le dodici tribù d’Israele, (Mt 19,28; Lc 22,30) essi sono i basamenti della nuova Gerusalemme (Ap 21,12-14).
I Dodici (Mc 6,7) e gli altri discepoli (Lc 10,1-2) partecipano alla missione di Cristo, al suo potere, ma anche alla sua sorte (Mt 10,25; Gv 15,20).
Attraverso tutte queste azioni Cristo prepara ed edifica la sua Chiesa” (CCC 765).

Ti saluto, ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo