Quesito

Buon pomeriggio Padre Angelo,
spero che stia bene e che sia soddisfatto del suo cammino verso Dio.
Volevo chiederle delucidazioni relative a cosa s’intende esattamente per tradizione.
Le espongo quello che sono riuscito a capire.
1) Abbiamo la Tradizione degli apostoli, cioè quello che ci hanno trasmesso e che non sono solo i testi ispirati del canone del nuovo testamento, poiché anche questi sono frutto della tradizione di chi li ha ritenuti ispirati. Sempre dalla tradizione antica abbiamo ricevuto altre cose, come le riflessioni dei padri della Chiesa o il Simbolo degli apostoli, che riassume le verità della nostra fede.
2) La tradizione vivente è infallibile quando ritiene vera una certa dottrina, quando cioè dal papa all’ultimo fedele battezzato sono concordi nel ritenere vera una dottrina. In questo caso non dovrebbe contare il numero di persone in senso di quantità, ma la qualità delle persone che deve rappresentare ogni membro della Chiesa (papa, cardinale,vescovo, sacerdote, diacono, uomini e donne sposate,cresimati e semplici battezzati) e per ciascuna categoria non ci deve essere una sola persona, poiché Cristo è in mezzo a due persone o più..
3) La tradizione vivente è garantita da Cristo ed è una conferma al magistero della Chiesa per mezzo dello Spirito Santo, perché se il magistero (i pastori, la gerarchia) guidano il popolo di Dio, anche il popolo di Dio deve aderire all’insegnamento dei loro pastori e questo può avvenire solo grazie allo Spirito; ed anche in questo caso dal Papa fino all’ultimo fedele battezzato si ritiene infallibile il magistero e pertanto lo si accetta: quindi si può dire che dalla tradizione nasce anche il magistero, assieme al canone delle scritture, anche se poi dopo ognuno è autonomo nel suo ambito?
Grazie per l’attenzione.
Francesco


Risposta del sacerdote

Caro Francesco,
1. si può dire, sì, che dalla Tradizione nasce il magistero, ma si può dire anche che il Magistero fissa la Tradizione.
In realtà Scrittura, Tradizione e Magistero sono così connessi fra di loro che stanno insieme o insieme cadono, come ricorda la Dei Verbum del Concilio Vaticano II.

2. Ecco il testo della Dei Verbum: “E’ chiaro dunque che la sacra tradizione, la sacra scrittura e il magistero della chiesa, per sapientissima disposizione di Dio, sono tra loro talmente connessi e congiunti che non possono indipendentemente sussistere, e che tutti insieme, ciascuno secondo il proprio modo, sotto l’azione di un solo Spirito santo, contribuiscono efficacemente alla Salvezza delle anime” (DV 10).

3. Infatti la Sacra Scrittura ci è data dalla Tradizione ed è garantita dal Magistero.
La Scrittura rimanda alla tradizione per la sua corretta interpretazione e fonda il Magistero.
Il Magistero a sua volta dichiara ciò che appartiene alla Sacra Scrittura e alla Sacra Tradizione.

Ti saluto, ti ricordo al Signore  e ti benedico.
Padre Angelo