Quesito

Gentile padre Angelo Bellon,
ho una domanda piuttosto elementare: potrebbe spiegarmi in cosa consista la pia pratica dei primi cinque sabati del mese? Quali benefici ne derivano?
Grazie e buon…tutto!


Risposta del sacerdote

Carissimo,
1. La pratica dei primi cinque sabati è una devozione suggerita in una rivelazione privata a suor Lucia di Fatima avvenuta il 15 febbraio 1926.
In sostanza la Madonna chiede di fare la S. Comunione e di confessarsi nei primi cinque sabati del mese, impegnandosi anche a recitare il Santo Rosario.
L’obiettivo è la riparazione agli oltraggi che vengono fatti al suo Cuore immacolato.
La Madonna ha promesso la sua assistenza nell’ora della morte e le grazie necessarie per salvarsi.

2. Non dobbiamo pensare ad una fatto magico: uno fa la pratica dei primi cinque sabati e poi per tutto il resto della vita se ne sta lontano da Dio con la garanzia della salvezza eterna.
Penso che la Madonna come buona Madre con questa pratica voglia introdurre un ad certo stile di vita.
Nelle persone che compiono questa pratica succede che, compiutala una volta, sentono il desiderio di riprenderla.
Vi è da notare che intanto la Madonna invita a vivere in grazia e a compiere di propria iniziativa (non solamente perché è precetto) l’atto più alto, più potente e più efficace della nostra fede cristiana: la partecipazione alla Messa con la Santa Comunione.
Anche la finalità è molto bella: si tratta di un atto di amore puro espresso verso Maria. Questo atto ha certamente le sue ricadute positive su chi lo compie e anche su coloro i cui peccati s’intendono riparare.
Inoltre anche la Confessione mensile comincia a diventare un’esigenza dell’anima e un punto di riferimento.

3. La stessa cosa si deve dire del Rosario e dello stare in compagnia con Lei. Si sperimenta qualcosa di quello che provarono i tre apostoli che hanno assistito alla trasfigurazione del Signore. Hanno avvertito il desiderio di rimanere sempre lì.
Così è ben difficile che chi ha iniziato a recitare il Rosario e stare insieme con Maria non desideri ripetere questa esperienza. E anche se per caso si allontanasse da Dio, il pensiero di quello che ha fatto antecedentemente sarà un dolce invito nei momenti più impensati a riprendere l’antica pratica.

4. Questa pratica è una prosecuzione della pratica dei primi nove venerdì del mese, suggerita da Dio nell’eccesso della sua misericordia a Santa Maria Margherita Alacoque.
Anche i primi cinque sabati rientrano in questo eccesso della Misericordia di Dio, che si serve di Maria per trarci ad una vita cristiana più seria e impegnata.
Non dobbiamo dimenticare che anche le apparizioni mariane rientrano nelle disposizioni divine e sono un’autentica grazia di Dio fatta all’umanità.

5. Ecco il testo lasciato da suor Lucia: “Vedi, figlia mia, il mio Cuore circondato di spine che gli uomini ingrati mi conficcano ogni momento con le loro bestemmie e le loro ingratitudini. Tu, almeno, cerca di consolarmi e dì che a tutti coloro che, durante cinque mesi, il primo sabato, si confesseranno e riceveranno la Santa Comunione, reciteranno un rosario e mi terranno compagnia per quindici minuti, meditando sui quindici misteri del Rosario, in spirito di riparazione, io prometto di assisterli nell’ora della loro morte con tutte le grazie necessarie per la salvezza della loro anima”.
Suor Lucia avrebbe detto: “molte anime hanno difficoltà a confessarsi il sabato. Non permettereste che sia valida la confessione entro gli otto giorni?”
La risposta fu: “Sì. Essa può essere fatta anche più in là, a patto che le anime siano in stato di grazia quando mi riceveranno il primo sabato, e a patto che, in questa confessione anticipata, esse abbiano l’intenzione di fare così un atto di riparazione al Sacro Cuore di Maria”.
Replicò Suor Lucia: “E quelli che si dimenticheranno di formulare questa intenzione?”
Potranno formularla nella confessione successiva, approfittando della prima occasione di confessarsi che avranno”.

6. Perché cinque?
Figlia mia, il motivo è semplice (è Gesù che parla). Ci sono cinque specie di offese e di bestemmie proferite contro il Cuore Immacolato di Maria:
1) le bestemmie contro l’Immacolata Concezione,
2) le bestemmie contro la sua verginità,
3) le bestemmie contro la sua maternità divina, rifiutando al tempo stesso di riconoscerla come Madre degli uomini,
4) le bestemmie di coloro che cercano pubblicamente di infondere nel cuore dei bambini l’indifferenza o il disprezzo o anche l’odio nei riguardi di questa Madre Immacolata,
5) le offese di coloro che la oltraggiano direttamente nelle sue sante immagini.
Ecco, figlia mia, il motivo per cui il Cuore Immacolato di Maria mi ha ispirato di richiedere questa piccola riparazione, e in considerazione di questa, di commuovere la mia misericordia per perdonare le anime che hanno avuta la disgrazia di offenderlo. Quanto a te, cerca continuamente, con le tue preghiere ed i tuoi sacrifici, di commuovere la mia misericordia riguardo a queste povere anime
”.

Ti ringrazio di avermi sollecitato a parlare anche di questa pratica.
Ti prometto una preghiera e ti benedico.
Padre Angelo