Quesito

Caro Padre,
perchè bisogna pregare per i propri nemici? Perchè Dio li converta? (domanda scema ma secondo me un po’ tutti se la fanno…).
Inoltre: Dio è onnipotente ma anche misericordioso…perdona sempre se il cuore del peccatore è realmente pentito. Ma noi uomini siamo fragili e spesso cediamo all’odio, al rancore…Come si fa ad arrivare a perdonare qualcuno che ti fa male o ti uccide?

Grazie per il suo aiuto e per il suo sostegno.
Benny


Risposta del sacerdote

Caro Benny,
1. preghiamo per i nostri nemici perché in quanto cristiani abbiamo ricevuto un grande dono, la carità: quello di amare col cuore di Dio.
Dio ama infinitamente anche i nostri nemici, vuole il loro ravvedimento e vuole ammetterli nella sua compagnia per tutta l’eternità.
Cristo si è immolato anche per loro.

2. Pertanto, preghiamo per i nostri nemici anzitutto per una esigenza del cuore (cristiano).
E poi preghiamo perché Dio tocchi loro il cuore e fra noi e loro si possa stabilire la piena pace. Non si può entrare in paradiso, e cioè in Dio, se tra di noi ci dono inimicizie.

3. Certamente è difficile arrivare a perdonare qualcuno che ti fa male o ti uccide.
Ma Cristo ci insegna la strada per fare questo, ed è la preghiera.
Quando cominciamo a pregare per qualcuno in particolare, soprattutto se ci ha fatto del male, sentiamo che il nostro cuore in quel momento cambia: cominciamo ad amare il nostro nemico e a desiderargli tutti i beni (in primis la conversione) che gli desidera Dio.
Per questo il Signore dopo aver detto: “amate e i vostri nemici”, soggiunge quasi per insegnarci come si deve fare: “e pregate per i vostri persecutori” (Mt 5,44).

Ti ringrazio per la domanda, ti seguo con la preghiera e ti benedico.
Padre Angelo