Quesito

P. Angelo, salve.
La ringrazio per la sua disponibilità e ringrazio Dio per il bene che fa questa propaganda di Fede negli "Amici Domenicani".
Volevo porgerle questa domanda: perchè Dio ha voluto rivelarsi agli uomini solo gradualmente e scegliendo comunque solo un popolo, Israele?
Perchè, a partire da Adamo ed Eva, il resto della terra non doveva saperne niente della Verità del Dio che si rivela ai suoi figli?
Perché tutti gli altri uomini dovevano arrivare a "scoprire" Dio solo perchè la ragione potrebbe ammetterlo oppure ammirandolo nel creato, ed invece non hanno avuto la fortuna di conoscere il vero Dio, almeno quanto lo hanno conosciuto gli Ebrei?
Ringraziandola di una risposta esauriente le auguro buon lavoro e porgo distinti saluti.


Risposta del sacerdote

Carissimo,
come ho già scritto in altre risposte, San Giovanni Crisostomo dice che Dio si è rivelato tardivamente perché gli uomini imparassero a riconoscerlo nella natura.
Certamente la natura, come diceva San’Antonio abate, è il gran libro di Dio.
Ma non sarebbe corrispondente al vero dire che Dio ha abbandonato gli uomini e si è limitato al fatto che lo cercassero attraverso la natura.
In realtà come Dio oggi offre gli aiuti di grazia (lumi e grazia santificante) anche a quelli che senza loro colpa non conoscono Gesù come Salvatore del mondo, così anche faceva in antico con tutti gli uomini.
Il fatto poi che la Rivelazione esplicita sia stata fatta agli ebrei, sta a ricordare che questa Rivelazione è una grazia, è un dono di ordine soprannaturale e che nessuno può meritare.
Tu dirai che Dio ha fatto preferenze: sì, c’è stata una elezione, ma nel rendiconto chiede ad ognuno secondo quanto gli è stato dato: a chi ha dato dieci, chiede dieci; a chi ha dato cinque, chiede cinque; e a chi ha dato uno, chiede uno.
Sappiamo che alcuni non hanno tratto profitto dall’essere stati eletti.
Gesù ha detto agli ebrei: “Perciò io vi dico: vi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che lo farà fruttificare” (Mt 21,43) e “i pubblicani e le prostitute vi passeranno avanti nel regno di Dio” (Mt 21,31).

Ti ringrazio per la domanda, ti saluto, ti prometto una preghiera e ti benedico.
Padre Angelo