Quesito

Caro Padre Angelo,
ho un altro chiarimento che mi sta più a cuore: il limbo non era una verità prossima alla fede? Ora sembra che non si è più tenuti a crederla.
Attendo con ansia e pazienza la sua risposta.
Lo Spirito Santo la illumini nel suo lavoro e la benedica.
Con affetto
Gianfranco F.


Risposta del sacerdote

Carissimo
sul Limbo è necessario fare una distinzione.

1. Il Limbo dei Patriarchi non solo è verità prossima alla fede, ma è di fede. Cristo infatti è il primogenito dei risorti da morte. I giusti, morti prima della risurrezione di Cristo, hanno atteso la sua discesa agli inferi per salire con Lui in  paradiso.

2. Mentre il Limbo dove andrebbero i bambini morti senza Battesimo non era verità prossima alla fede, ma conclusione teologica. I Giansenisti dichiararono che questa conclusione teologica era un errore. Pio VI rispose di no.
Ma non si trattava di verità prossima alla fede. Sicché se qualcuno l’avesse negato, sarebbe stato prossimo all’eresia.

3. Come i teologi, a proposito della salvezza dei bambini morti senza Battesimo sono andati avanti rispetto al pensiero di sant’Agostino (diceva che vanno tutti all’inferno), così niente vieta che il pensiero dei teologi di oggi e di domani possa avanzare rispetto al pensiero dei teologi del passato prossimo e del passato remoto.

Ti ringrazio per la fiducia, ti seguo con la preghiera e ti benedico.
Padre Angelo