Sei in: Home page => Spiritualità domenicana => San Domenico => Liturgia => Primo formulario per la S. Messa per la Solennità del Santo Padre Domenico

Spiritualità domenicana

Per la Solennità del Santo Padre Domenico
Primo formulario per la S. Messa

ANTIFONA D'INGRESSO  Sir 15,5

Il Signore gli ha aperto la bocca in mezzo alla sua Chiesa. lo ha ricolmato dello spirito di sapienza e d'intelletto; lo ha rivestito di un manto di gloria.

COLLETTA

O Dio, che hai fatto risplendere la tua Chiesa con le opere e la predicazione di San Domenico, nostro Padre; dona ai suoi figli di crescere nell'umile servizio della verità. Per il nostro Signore Gesù Cristo…

PRIMA LETTURA  Is 52 , 7-l0

Tutti i confini della terra vedranno la salvezza del nostro Dio

Dal libro del profeta Isaia

Come sono belli sui monti i piedi del messaggero di lieti annunzi che annunzia la pace, messaggero di bene che annunzia la salvezza, che dice a Sion: «Regna il tuo Dio». Senti? Le tue sentinelle alzano la voce, insieme gridano di gioia, poiché vedono con i loro occhi il ritorno del Signore in Sion. Prorompete insieme in canti di gioia, rovine di Gerusalemme, perché il Signore ha consolato il suo popolo, ha riscattato Gerusalemme. Il Signore ha snudato il suo santo braccio davanti a tutti i popoli; tutti i confini della terra vedranno la salvezza del nostro Dio.

Parola di Dio

SALMO RESPONSORIALE dal salmo 95

R. Annunziate ai popoli i prodigi del Signore

Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Cantate al Signore, benedite il suo nome. R

Annunziate di giorno in giorno la sua salvezza; in mezzo ai popoli narrate la sua gloria, a tutte le nazioni dite i suoi prodigi. R

Date al Signore, o famiglie dei popoli, date al Signore gloria e potenza, date al Signore la gloria del suo nome. R

Dite tra i popoli: «Il Signore regna!». Sorregge il mondo, perché non vacilli; giudica le nazioni con rettitudine. R

SECONDA LETTURA  2 Tm 4, 1-8

Compi la tua opera di annunziatore del Vangelo

Dalla seconda lettera di San Paolo apostolo a Timòteo

Carissimo, ti scongiuro davanti a Dio e a Cristo Gesù che verrà a giudicare i vivi e i morti, per la sua manifestazione e il suo regno: annunzia la parola, insisti in ogni occasione opportuna e non opportuna, ammonisci, rimprovera, esorta con ogni magnanimità e dottrina.
Verrà il giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, per il prurito di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo le proprie voglie, rifiutando di dare ascolto alla verità per volgersi alle favole.
Tu però vigila attentamente, sappi sopportare le sofferenze, compila tua opera di annunziatore del Vangelo, adempi il tuo ministero.
Quanto a me, il mio sangue sta per essere sparso in libagione ed è giunto il momento di sciogliere le vele.
Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede.
Ora mi resta solo la corona di giustizia che il Signore, giusto giudice, mi consegnerà in quel giorno; e non solo a me, ma anche a tutti coloro che attendono con amore la sua manifestazione.

Parola di Dio

SEQUENZA (facoltativa)

Tra i cori celesti risuoni una nuova armonia modulata su un nuovo canto. Ad essa risponda sulla terra la melodia del nostro coro che gioisce con Domenico. Il Creatore del mondo chiama l'uomo del suo cuore sulla navicella della povertà. Portando la fiaccola della verità con fuoco dell'amore alimentò nel mondo la fede. Mentre ancora è in terra restituisce vivo alla madre il figlio richiamato da morte. Ad un segno di croce cessa la pioggia e gran numero di frati mangia il pane mandato da Dio come dono. O felice colui per il quale tutta la Chiesa in festa è esaltata! Egli getta la semente nel mondo; alla fine della vita viene collocato tra le schiere celesti. Il grano giace nascosto, l'astro si cela nell'ombra per la salvezza dei popoli. Il Creatore del mondo fa germogliare le ossa e rifulgere la stella. Oh come prova la verginità della sua carne il soave profumo della sua tomba che supera ogni fragranza!
I malati vi accorrono e vengono risanati; i ciechi e gli zoppi sono guariti dalla sua miracolosa forza.
Cantiamo dunque a voce spiegata lodi a Domenico operatore di prodigi! Invocandolo chiedi il suo aiuto, o popolo bisognoso che ne segui le orme. E tu, Padre tenero e buono, pastore e protettore del gregge, con preghiera assidua, raccomanda lungo il corso dei secoli, alla corte del sommo Re, la sorte del gregge da te lasciato.

CANTO AL VANGELO Lc 4, 18-19

R. Alleluia
Il Signore mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio,
per proclamare ai prigionieri la liberazione. R. Alleluia

VANGELO  Mt 5,13-19

Voi siete la luce del mondo

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Siete voi il sale della terra; ma se il sale perdesse il sapore, con che cosa lo si potrà render salato? A null'altro serve che ad essere gettato via e calpestato dagli uomini.
Siete voi la luce del mondo; non può restare nascosta una città collocata sopra un monte, né si accende una lucerna per metterla sotto il mòggio, ma sopra il lucerniere perché faccia luce a tutti quelli che sono nella casa.
Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al vostro Padre che è nei cieli.
Non pensate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per abolire, ma per dare compimento. In verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà dalla legge neppure un iota o un segno, senza che tutto sia compiuto. Chi dunque trasgredirà uno solo di questi precetti, anche minimi, e insegnerà agli uomini a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà agli uomini, sarà considerato grande nel regno dei cieli»

Parola del Signore.

SULLE OFFERTE

Accogli con bontà, o Signore, per l'intercessione di San Domenico, nostro Padre, e preghiere e le offerte che ti presentiamo; e con la forza di questo sacrificio conferma e sostieni i predicatori del Vangelo. Per Cristo nostro Signore.

PREFAZIO

È veramente cosa buona e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e in ogni luogo a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno, per Cristo nostro Signore. Nella tua provvidenza tu inviasti all'umanità assetata, San Domenico, araldo della tua verità attinta alla sublime fonte del Salvatore. Sempre sorretto dalla Madre del tuo Figlio e riarso di zelo per le anime, egli assunse per sé e per i suoi discepoli raccolti dallo Spirito Santo, l'ufficio del Verbo, portando a Cristo con la dottrina e con l'esempio innumerevoli fratelli.
Intento a parlare con te e dite, crebbe nella sapienza e facendo scaturire l'apostolato dalla contemplazione, si votò totalmente al rinnovamento della Chiesa. Per questo, uniti agli Angeli e agli Arcangeli e a tutti i Santi del cielo, cantiamo senza fine l'inno della tua lode:
Santo,Santo, Santo,

ANTIFONA ALLA COMUNIONE  Lc 12,42

Egli è il servitore fedele e saggio che il Signore ha posto a capo della sua famiglia, per distribuire a tempo debito la razione di cibo.

DOPO LA COMUNIONE

O Dio, che ci hai nutriti col pane di vita eterna nel ricordo glorioso di San Domenico, nostro Padre; fa' che la tua Chiesa, illuminata dalla sua predicazione e sostenuta dalle sue preghiere, raggiunga la piena comunione con te. Per Cristo nostro Signore.

BENEDIZIONE SOLENNE

Dio onnipotente che ha costituito San Domenico ministro del Vangelo, vi renda saldi nella vostra scelta battesimale.
 R. Amen.

Egli che ha fatto rifulgere in San Domenico la bontà e la tenerezza del nostro Salvatore, vi renda conformi alla immagine del proprio Figlio.
R. Amen.

Egli che ha arricchito il cuore di Domenico con sentimenti di compassione verso i peccatori, vi ricolmi di Spirito Santo per annunziare il Vangelo di pace.
R. Amen.

La benedizione di Dio onnipotente, Padre, Figlio e Spirito Santo scenda su voi e rimanga sempre.
R. Amen.


Pubblicato 06.08.2007

La pagina è stata letta 2972 volte