Sei in: Home page => Un sacerdote risponde => Teologia morale => Dottrina sociale della Chiesa => Sono contento di non aver fatto il servizio militare...

Un sacerdote risponde

Sono contento di non aver fatto il servizio militare...

      Quesito

      Carissimo Padre,
      sono stato riformato dal servizio militare e comunque sono contento di non averlo fatto.
      E non solo per il nonnismo... ma anche per altri problemi...
      Un ricordo nella preghiera.
      BENNY


      Risposta del sacerdote

      Benny,
      1. Quando in linea generale dico che il servizio militare è lecito, non intendo affatto giustificare tutto quello che si fa durante il servizio militare: nonnismo e resto.
      Il servizio militare è lecito perché è in se stesso un servizio per la pace.
      Ma con questo non voglio giustificare né la coscrizione obbligatoria, che per fortuna adesso hanno abolito, né il modo in cuoi viene fatto o lo stile di vita dei soldati.
      A proposito mi piace riportare quanto Papa Giovanni, che aveva conservato buoni ricordi del suo servizio sacerdotale in mezzo ai militari, ha scritto appena rientrato in seminario, alla fine del 1902. A quei tempi anche i seminaristi erano obbligati al servizio militare a farlo.
      Aveva 21 anni e scrive: “Oh, il mondo come è brutto, quanta schifezza, che lordura! Nel mio anno di vita militare l'ho ben toccato con mano. Oh, come l'esercito è una fontana donde scorre il putridume, ad allagare le città. Chi si salva da questo diluvio di fango, se Dio non lo aiuta?
      Ti ringrazio, o Dio mio, che mi preservasti da tanta corruzione; questa veramente è una delle grazie più grandi, per la quale io ti sarò riconoscente per tutta la vita.
      Io non credevo che un uomo ragionevole si potesse abbassare così. Eppure, è un fatto; ed oggi, con la mia poca esperienza, mi pare di poter dire che più d'una metà degli uomini, per qualche tempo della loro vita, diventano animali vergognosi...
      Intanto io mi prostro ginocchioni dinnanzi al mio Dio e, ripensando ai benefici, compartitimi in quest'anno, mi umilio nella polvere e lo ringrazio di gran cuore.
      Del 1902 dovrò sempre ricordarmene: l'anno della mia vita militare, anno di battaglie. Potevo perdere la vocazione con tanti altri poveri infelici, e non l'ho perduta; potevo perdere la santa purità, la grazia di Dio, e Iddio invece non l'ha permesso. Sono passato attraverso il fango, ed impedì che me ne imbrattassi: sono ancora vivo, sano, robusto come prima, meglio di prima... Gesù, ti ringrazio, ti amo”.
      Nessuno può dire che i militari degli anni 1901-1902 fossero peggiori di quelli di oggi.
      Indubbiamente, al dire di papa Giovanni, il servizio militare è causa di corruzione per molti.
      Al contrario io ho avuto la testimonianza diretta di diversi giovani, i quali hanno sentito la chiamata al sacerdozio proprio mentre facevano il servizio militare e mentre vedevano tanti coetanei andare allo sbando.
     
      Ti ringrazio, ti saluto, ti accompagno con la preghiera e ti benedico.
      Padre Angelo


Pubblicato 28.10.2006

La pagina è stata letta 2995 volte