Sei in: Home page => Un sacerdote risponde => Sacra Scrittura => Generale => Quando Gesù chiede perdono al Padre perché gli uomini non sanno quello che fanno non intende deresponsabilizzare

Un sacerdote risponde

Quando Gesù chiede perdono al Padre perché gli uomini non sanno quello che fanno non intende deresponsabilizzare

Quesito

Reverendo padre Angelo,
vorrei un chiarimento circa la natura del peccato: se infatti Gesù in croce ha pregato il Padre di perdonare i suoi uccisori in quanto essi NON SANNO QUELLO CHE FANNO, come è possibile che una persona possa compiere intenzionalmente un peccato ed esserne cosciente?
La ringrazio anticipatamente per la risposta e la saluto.
  Alberto


Risposta del sacerdote

Caro Alberto,
1. il Signore stava pregando per quelli che martellavano su di lui inchiodandolo alla croce e anche per i loro mandanti.
Senti che cosa dice San Paolo: "Nessuno dei dominatori di questo mondo ha potuto conoscerla; se l'avessero conosciuta, non avrebbero crocifisso il Signore della gloria" (1 Cor 2,8).

2. In senso più generale, le parole di Gesù possono essere riferite a noi che sappiamo bene quello che facciamo, ma non conosciamo fino in fondo quale grave ingiuria sia il ribellarsi a Dio col peccato.
Solo Gesù conosce l'enormità di ogni peccato. Per questo chiede perdono al posto nostro.

3. Pertanto come intenzionalmente si è capaci di compiere il bene, così intenzionalmente si è capaci anche di compiere il male.
Gesù pertanto non ci deresponsabilizza.

Ti saluto, ti ricordo al Signore e ti benedico.
  Padre Angelo


Pubblicato 14.04.2011

La pagina è stata letta 2596 volte