Sei in: Home page => Un sacerdote risponde => Teologia morale => Morale sessuale e matrimoniale => Il mio ragazzo ha rinunciato ad avere rapporti sesuali con me, adesso chiede che anch'io ceda su qualche punto

Un sacerdote risponde

Il mio ragazzo ha rinunciato ad avere rapporti sesuali con me, adesso chiede che anch'io ceda su qualche punto

Quesito

Caro Padre,
Le scrivo perché ho dei dubbi sulla sessualità nel mio fidanzamento.
Sono fidanzata con un ragazzo meraviglioso, che per amore verso di me ha accettato di aspettare il matrimonio per avere rapporti nonostante non fosse per niente d'accordo.
Oggi come oggi non ci sono più persone che accettano questi compromessi, è davvero una persona rara...
Sono credente e pratico e fin da adolescente ho sempre pensato di non avere rapporti prima del matrimonio.
È una cosa in cui credo davvero.
Il problema è che lui ha accettato ma mi ha chiesto di andargli incontro visto il sacrificio che fa per me accettando manifestazioni affettive che finiscono nella masturbazione.
Come faccio a chiedere ad un ragazzo come lui che si sacrifica per me, perché mi ama, a tenere le mani al loro posto? Sono sicura che nel momento in cui gliene parlerò lui rimarrà male, e avrebbe pure ragione visto il sacrificio che già fa per me. In una coppia bisogna trovare dei compromessi, non si può pretendere che uno dei due faccia solo quello che l'altro vuole.
Ma temo che comportandomi così commetta peccato magari pure mortale, considerato che ciò che faccio è sbagliato e decido di farlo lo stesso.
La ringrazio per il tempo che mi dedicherà.


Risposta del sacerdote

Carissima,
1. anzitutto mi compiaccio col tuo desiderio di vivere la tua vita affettiva secondo il disegno di Dio.
Non vi è alcuna indicazione così bella e così favorevole all'espansione dell'amore vicendevole quanto i precetti di Dio, che non è geloso del nostro amore, anzi!

2. Quello che il Signore proibisce sono le contraffazioni dell'amore e che si presentano in maniera seducente, ma poi lasciano delusi.
Non è necessario scomodare la legge di Dio per capire che certe esperienze sono deludenti e tu stessa hai cominciato ad accorgertene.

3. Per te non si tratta di cedere qualcosa al tuo ragazzo, visto che fa già altri sacrifici.
No, il rinunciare ad avere rapporti prematrimoniali non è rinunciare ad un sacrificio. Dev'essere il desiderio di chiunque voglia rispettare se stesso e soprattutto la persona che ama.
Dev'essere il desiderio di chiunque sia consapevole delle gravi responsabilità che vi sono connesse, perché quegli atti sono sempre potenzialmente procreativi, anche col cosiddetto sesso sicuro.
I rapporti prematrimoniali sono in se stessi una menzogna, come ha detto Giovanni Paolo II, perché dicono di essere l’uno dell’altro quando si sa che all’altro non ci si è ancora dati definitivamente.
Inoltre sono menzogna perché, fatti con la contraccezione, rifiutano di donarsi in totalità, perché non si dona all’altro quel di più che c’è nella natura stessa dell’atto, la capacità procreativa.
C’è da chiedersi allora se sia un sacrificio quello di non dire le bugie.

4. Il tuo ragazzo dovrebbe essere contento di aver trovato una ragazza sulla cui fedeltà può contare.
Dovrebbe essere contento di aver trovato una ragazza che vuole mantenere puro il proprio amore per lui.
Questa consapevolezza dovrebbe accendere in lui una stima così grande di te e dei tuoi convincimenti da non voler profanare in nessuna maniera un tesoro così bello e che tantissimi invidiano.

5. Il tuo ragazzo ha bisogno di maturare ad amare in maniera vera.
Dietro il suo desiderio di volerti bene, nasconde inconsapevolmente il desiderio della propria soddisfazione.
Se lui ama i tuoi convincimenti e ama te, ti rispetta.
Quando chiede manifestazioni affettive che lo portano alla masturbazione (o quasi) è ancora alla ricerca di se stesso.
Qualcuno ha detto che la masturbazione è egoismo allo stato puro.
Ma vi può essere egoismo allo stato puro anche se questi atti si compiono in due.

6. Quanti ragazzi (sottolineo il maschile) mi hanno detto che per manifestarsi l'amore vicendevole non è necessario compiere certi atti (compresi quelli che il tuo ragazzo ti chiede).
Credimi, quelli che credono nei valori che Dio propone e che sono gli unici a dare vera soddisfazione, sono più di quanto non sembri.
Non si tratta allora di cedere almeno un pò, visto che lui avrebbe ceduto tanto!
In realtà tutte e due dovete camminare tenendo come luce che dirige il vostro cammino la legge stessa di Dio.

7. Il Signore vuole che l'amore si sviluppi in altre direzioni, che sono quelle che daranno stabilità al matrimonio, fiducia vicendevole ora e sempre e soprattutto faranno capire che l’amore vicendevole, anche tra fidanzati, non è il culmine della propria vita, ma ancora solo preparazione ad un amore e ad una intimità più alta e più profonda col Signore.
Se l’amore fra fidanzati raffredda l’amore per il Signore è brutto segno. Significa che non lo si sta vivendo bene, secondo il suo disegno.
Mentre ci amiamo tra persone umane, il Signore vuole che scopriamo sempre di più Lui, che è l’unico Tutto di ciascuno di noi.
A questo in definitiva serve l’osservanza della Legge di Dio.
Diversamente si va fuori strada.
Tieni presente che l’obiettivo supremo è la santità, l’unione e l’intimità con Lui.
Tendi a questo e insegnalo anche al tuo ragazzo. C’è qualcosa di più che va scoperto e amato nell’amore fra voi due.
E questo qualcosa di più è Qualcuno, Lui, Gesù Cristo, re e centro di tutti i cuori.

Per questo ti assicuro la mia preghiera e fin d’ora ti mando la mia benedizione.
Padre Angelo


Pubblicato 13.02.2010

La pagina è stata letta 5055 volte