Articoli recenti ed in evidenza


Un sacerdote Risponde

Accedi alla sezione

Ultimi 7 inserimenti

  • Che cosa posso dire ad un amico che vede la Messa come un rituale dove noi credenti siamo dei burattini che ripetiamo le stesse cose?

    | Liturgia e pastorale | Sezione liturgica | visto 277 volte | Pubblicato 07.07.2015 | (leggi tutto...)

  • Era proprio necessario che Maria Santissima, una volta sposata, rimanesse vergine?

    | Teologia dogmatica | Mariologia | visto 570 volte | Pubblicato 06.07.2015 | (leggi tutto...)

  • Che cosa s'intende per potestà ordinaria, propria e immediata

    | Diritto canonico | Generale | visto 435 volte | Pubblicato 05.07.2015 | (leggi tutto...)

  • È giusto che io sia condannato ad una castità che ad altri è richiesta solo fino al matrimonio?

    | Liturgia e pastorale | Sezione pastorale | visto 1062 volte | Pubblicato 04.07.2015 | (leggi tutto...)

  • L'astinenza serve a molte cose, tra cui anche a prepararsi alle feste

    | Teologia morale | Virtù cardinali | visto 735 volte | Pubblicato 03.07.2015 | (leggi tutto...)

  • Per superare una fortissima tentazione l'altro giorno mi sono imposto una punizione corporale e con una corda mi sono fustigato

    | Teologia spirituale | Generale | visto 1149 volte | Pubblicato 02.07.2015 | (leggi tutto...)

  • Dopo sei anni e mezzo di convivenza tutto si è concluso con molta amarezza da parte mia e con infinita insicurezza da parte sua

    | Teologia morale | Morale sessuale e matrimoniale | visto 889 volte | Pubblicato 01.07.2015 | (leggi tutto...)


In evidenza (ultimi 7)

  • Le chiedo che cosa siano la meditazione e la contemplazione, in che cosa si differenziano e come contempla lei nella sua vita di domenicano

    | Teologia spirituale | Generale | visto 883 volte | Pubblicato 22.06.2015 | (leggi tutto...)

  • Le chiedo qualche consiglio perché mio figlio mi ha chiesto un aiuto economico per andare a convivere

    | Liturgia e pastorale | Sezione pastorale | visto 1172 volte | Pubblicato 18.06.2015 | (leggi tutto...)

  • Una mia carissima amica mi ha posto una domanda alla quale vergognosamente mi sono trovato incapace di rispondere: perché credere?

    | Teologia dogmatica | Apologetica | visto 1182 volte | Pubblicato 04.06.2015 | (leggi tutto...)

  • Ho chiesto a Gesù, perdono tante volte, ho pianto un pò e lodavo Gesù, continuavo a mettermi in ginocchio, non ero capace di stare in piedi

    | Liturgia e pastorale | Sezione pastorale | visto 870 volte | Pubblicato 03.06.2015 | (leggi tutto...)

  • Mentre ero a casa mi è venuto un desiderio incredibile di recitare una corona del Rosario ed ecco che cosa è successo

    | Liturgia e pastorale | Sezione pastorale | visto 1554 volte | Pubblicato 31.05.2015 | (leggi tutto...)

  • Non riesco a capacitarmi del perché Dio mi ami tanto perdutamente

    | Liturgia e pastorale | Sezione pastorale | visto 1521 volte | Pubblicato 06.03.2015 | (leggi tutto...)

  • Ecco che cosa mi ha detto un tale per farmi deviare dalla fede cattolica

    | Teologia dogmatica | Apologetica | visto 2432 volte | Pubblicato 06.02.2015 | (leggi tutto...)


EDITTO di apertura della Causa per la Beatificazione e Canonizzazione della Serva di Dio Suor Maria Petra Giordano o.p.


Il 21 giugno 2006, a 94 anni, terminava l'esilio terreno di Suor Maria Petra (al secolo Nicoletta) Giordano, monaca domenicana.
All'interno del monastero aveva trascorso ben 72 anni di vita, tutti protesi a ricercare nella preghiera una sempre maggior unione d'amore con il Signore.
La sua esistenza, preziosa agli occhi di Dio, non passò inosservata agli occhi di quanti ebbero il privilegio di conoscerla e di apprezzarne il cammino compiuto per il raggiungimento dell'evangelica perfezione.
Nicoletta Giordano nacque a Napoli il 4 luglio 1912, primogenita di nove figli.
Il padre, Luigi, aveva un'azienda con 350 operai. Nel 1927 la famiglia ebbe un momento di difficoltà dal momento che il signor Luigi non volle iscriversi al Partito Nazionale Fascista. Tutta la famiglia si trasferì a Roma dove il Padre Luigi accettò un lavoro di commesso in un negozio.
Nicoletta in famiglia era sempre obbediente, non litigava con i fratelli e non parlava mai male degli altri. Era molto vivace, ma amava i giochi tranquilli. Sin dalla tenera età, iniziò a suonare il pianoforte e le piaceva cantare. A causa della sopraggiunta infermità della madre, dovette provvedere a fratelli e sorelle più piccole; non trascurava però l'impegno cristiano e la cura della propria spiritualità tanto che diventò “Figlia di Maria” e poi Terziaria Domenicana presso la Basilica domenicana di Santa Maria sopra Minerva; inoltre collaborava assiduamente con le attività parrocchiali. Giovanissima, veniva spesso chiamala al capezzale di moribondi e riuscì a far riconciliare con Dio alcuni peccatori.
A circa vent'anni, si legò al Cuore di Cristo con voto di vittima. Iniziò ben presto a maturare una forte attrattiva per la vita religiosa e, in particolare, per la spiritualità domenicana.

Leggi tutto...

Per saperne di più visita il sito ufficiale della Serva di Dio sr. Petra


Un nuovo beato tra i domenicani italiani:
padre Giuseppe Girotti

1. Con atto solenne da parte della Chiesa il 26 aprile 2014 il padre Giuseppe Girotti viene posto sopra il moggio per illuminare con la sua esemplarità tutta la casa: l’ordine di San Domenico, la diocesi di Alba, la Chiesa tutta, il mondo intero.
Alba, in provincia di Cuneo (Piemonte), è la città dove padre Girotti è nato il 19 luglio 1905 e dove ha vissuto i primi quattordici anni di vita.
Terminata da poco la prima guerra mondiale, nel gennaio del 1919 entra nella Scuola apostolica dei domenicani della provincia di San Piretro Martire a Chieri (Torino). Qui, a Chieri, nel 1922 fa il suo noviziato e il 3 agosto 1930 viene ordinato sacerdote.
Successivamente viene inviato a Gerusalemme presso l’Ècole biblique dei domenicani francesi per perfezionare i suoi studi in scienze bibliche sotto la direzione del p. Marie-Joseph Lagrange, celebre biblista di cui è in corso il processo di beatificazione e fondatore di quella Scuola.
Terminati gli studi inizia il suo insegnamento presso i domenicani di Torino e anche presso i missionari della Consolata di questa città.
Nel 1936 subentra a p. Marco Sales, domenicano piemontese e Maestro del Sacro Palazzo (oggi viene chiamato: “teologo della casa pontificia”), nella continuazione del Commentario biblico interrotto con la sua morte.
L’esegesi di Padre Girotti è sulla stessa linea di quella del padre Sales, e cioè scientifica e spirituale insieme.
Pubblica un Commento ai libri Sapienziali nel 1938 e un altro al profeta Isaia nel 1941. (entra nella sezione dedicata al nuovo beato...)


 

Copyright © www.amicidomenicani.it - designed by Pasquale Paiotta (fra Pio Francesco op, terziario domenicano)