Novena alla Divina Misericordia (da recitarsi dal Venerdì Santo fino al Sabato in Albis)

“Desidero – ha detto Gesù Cristo a santa Faustina – che durante questi nove giorni tu conduca le anime alla fonte della Mia Misericordia, affinché attingano forza, refrigerio ed ogni grazia, di cui hanno bisogno per le difficoltà della vita e specialmente nell’ora della morte. Oggi giorno condurrai al Mio Cuore un diverso gruppo di anime e le immergerai nel mare della Mia Misericordia. E io tutte queste anime le introdurrò nella casa del Padre Mio. Lo farai in questa vita e nella vita futura. E non rifiuterò nulla a nessun’anima che condurrai alla fonte della Mia Misericordia. Ogni giorno chiederai al Padre Mio le grazie per queste anime per la Mia dolorosa Passione”.

 I) Primo giorno (Venerdì Santo)

«Oggi conduciMi tutta l'umanità e specialmente tutti i peccatori e immergili nel mare della Mia misericordia.E con questo Mi consolerai dell’amara tristezza in cui Mi getta la perdita delle anime».

Gesù misericordiosissimo, la cui prerogativa è quella di avere compassione di noi e di perdonarci, non guardare i nostri peccati, ma la fiducia che abbiamo nella Tua infinita bontà e accoglici nella dimora del Tuo pietosissimo Cuore e non lasciarci uscire di lì per l'eternità. Ti supplichiamo per l'amore che Ti unisce al Padre ed allo Spirito Santo.

"Eterno Padre, guarda con occhio di misericordia specialmente i poveri peccatori e tutta l'umanità, che è racchiusa nel pietosissimo Cuore di Gesù e per la Sua dolorosa Passione mostraci la Tua misericordia, affinché per tutti i secoli possiamo esaltare l'Onnipotenza della Tua misericordia. Amen."

Segue la Coroncina alla Divina Misericordia

(leggi tutto)

Un nuovo beato tra i domenicani italiani:
padre Giuseppe Girotti

1. Con atto solenne da parte della Chiesa il 26 aprile 2014 il padre Giuseppe Girotti viene posto sopra il moggio per illuminare con la sua esemplarità tutta la casa: l’ordine di San Domenico, la diocesi di Alba, la Chiesa tutta, il mondo intero.
Alba, in provincia di Cuneo (Piemonte), è la città dove padre Girotti è nato il 19 luglio 1905 e dove ha vissuto i primi quattordici anni di vita.
Terminata da poco la prima guerra mondiale, nel gennaio del 1919 entra nella Scuola apostolica dei domenicani della provincia di San Piretro Martire a Chieri (Torino). Qui, a Chieri, nel 1922 fa il suo noviziato e il 3 agosto 1930 viene ordinato sacerdote... (leggi tutto)

In omaggio al nuovo beato domenicano italiano, il biblista e martire padre Giuseppe Girotti, presentiamo ai nostri visitatori la sua ampia Introduzione generale ai Profeti anteposta al Commento del libro del profeta Isaia

Avvertenze per la lettura dell’Introduzione di padre Girotti al Profeta Isaia

1. È necessario tenere presente che Padre Girotti ha scritto questa Introduzione nel 1942.
A quei tempi il testo di riferimento della Sacra Scrittura era la Volgata scritta in latino.
La versione italiana della Bibbia, voluta dalla CEI e valevole anche per l’uso liturgico, ha comportato una traduzione dai testi originari e non semplicemente dal latino.
Per questo si può trovare qualche differenza col testo usato da Padre Girotti sia nella classificazione di alcuni libri sia in alcuni versetti nella loro numerazione. (leggi tutto...)

LA SACRA BIBBIA
COMMENTATA DA P. M. M. SALES e G. GIROTTI, O. P.
IL VECCHIO TESTAMENTO - Volume VII
Introduzione generale ai profeti
Il Libro di Isaia
commentato da P. G. GIROTTI, O. P.

Presentazione
Quei che seminan tra le lacrime, nel giubilo mieteranno (Salm. 125, 5).
Abbiamo speranza che il Signore nella sua bontà verifichi almeno nell'altra vita la seconda parte della divina affermazione. È certo che la prima ha la sua piena realtà nella vita presente. Questo volume esce appunto di mezzo alle molteplici e gravi tribolazioni colle quali il Signore ha voluto visitarci : solo per la sua misericordiosissima bontà e per l'efficacissima intercessione della Vergine Santissima, Consolatrice degli afflitti, si è potuto condurre a termine l'opera che ora presentiamo al pubblico, continuando il commento alla Sacra Scrittura del Rev .mo P. M. Sales.
Nella nostra solitudine ci è stato di conforto la meditazione assidua della parola di Dio e abbiamo gustato la piena verità di ciò che dice S. Giovanni Grisostomo : « Come colui il quale saldamente se ne sta sopra la roccia permane sicuro e si fa beffa dei flutti che spumeggiano attorno a lui, così colui il quale con gioia è perseverante alla riunione eucaristica e disseta il suo spirito con la parola di Dio non rimane impigliato in nessuno degli intrighi umani, in quanto avendo collocato se stesso in una dottrina che lo sostiene come roccia ed apre il suo spirito a rettamente giudicare le cose, si è costituito molto al di sopra di quei maneggi dai quali nella vita egli può essere assalito» (Panegirico del Santo martire Luciano, n. 1).

(leggi tutto...)

Leggi la puntata quotidiana

Leggi le puntate finora pubblicate


Articoli recenti ed in evidenza


Un sacerdote Risponde

Accedi alla sezione

Ultimi 7 inserimenti

  • Durante i tre giorni di morte, prima della Sua resurrezione, dove era l'anima di Cristo?

    | Teologia dogmatica | Cristologia | visto 218 volte | Pubblicato 20.04.2014 | (leggi tutto...)

  • Ho letto (mi corregga se sbaglio) che non si dovrebbe pregare con il rosario o simili se ci si trova in peccato mortale

    | Teologia spirituale | Generale | visto 464 volte | Pubblicato 19.04.2014 | (leggi tutto...)

  • I demoni sapevano che Gesù era Dio? Vedono direttamente nelle nostre intelligenze?

    | Teologia dogmatica | Angelologia | visto 497 volte | Pubblicato 18.04.2014 | (leggi tutto...)

  • Che cosa mi può dire della solitudine per la quale soffro; è un peccato soffrire per la solitudine?

    | Liturgia e pastorale | Sezione liturgica | visto 620 volte | Pubblicato 17.04.2014 | (leggi tutto...)

  • Se i malefici si possano trasmettere di generazione in generazione

    | Teologia dogmatica | Sacramenti | visto 592 volte | Pubblicato 16.04.2014 | (leggi tutto...)

  • Un mio parente sostiene che se una persona si confessa e comunica nelle forme stabilite dalla Chiesa e subito muore, va immediatamente in Paradiso

    | Teologia dogmatica | Sacramenti | visto 668 volte | Pubblicato 15.04.2014 | (leggi tutto...)

  • Quale ritardo impedisce di partecipare alla Comunione nella Santa Messa?

    | Liturgia e pastorale | Sezione liturgica | visto 780 volte | Pubblicato 14.04.2014 | (leggi tutto...)


In evidenza (ultimi 7)

  • Le giro le domande di un non credente, redatte in un articolo da parte di Eugenio Scalfari e rivolte idealmente al pontefice

    | Teologia dogmatica | Generale | visto 741 volte | Pubblicato 17.03.2014 | (leggi tutto...)

  • Il concilio di Nicea non parla di comunione con i divorziati risposati

    | Varie | Generale | visto 986 volte | Pubblicato 02.02.2014 | (leggi tutto...)

  • Spesso vengono a confessarsi da me persone divorziate; desidero sapere chi posso assolvere e chi no

    | Teologia morale | Morale sessuale e matrimoniale | visto 3300 volte | Pubblicato 23.10.2013 | (leggi tutto...)

  • Io non sono credente, ma se prego e mi pento dei miei peccati Dio mi perdona?

    | Teologia morale | Virtù teologali | visto 2173 volte | Pubblicato 30.07.2013 | (leggi tutto...)

  • Sono un ragazzo di 20 anni, nato in una famiglia di atei anticlericali incalliti e tenaci, eppure in me è successo qualcosa!

    | Liturgia e pastorale | Sezione pastorale | visto 2154 volte | Pubblicato 17.07.2013 | (leggi tutto...)

  • Che cos'è la milizia angelica e quali i vantaggi che se ne acquisiscono

    | Ordine domenicano | Generale | visto 3175 volte | Pubblicato 02.07.2013 | (leggi tutto...)

  • Considerando gli studi che sto facendo e che desidero concludere, che cosa potrei fare in attesa di diventare domenicano?

    | Ordine domenicano | Generale | visto 2160 volte | Pubblicato 13.06.2013 | (leggi tutto...)


 

Copyright © www.amicidomenicani.it - designed by Pasquale Paiotta (fra Pio Francesco op, terziario domenicano)